Si chiama Axis, il browser visuale di Yahoo

Con questo nuovo strumento, che può essere installato come estensione di Safari, Chrome o Firefox, i risultati delle ricerche sono forniti sotto forma di immagini. Particolarmente efficace l’esperienza d’uso con i dispositivi mobili Apple.


Non sono ancora sopite le polemiche che hanno contraddistinto l'abbandono della carica di CEO da parte di Scott Thompson che Yahoo! cerca subito di rinnovarsi proponendo un browser nuovo. Tra le aziende più note nel settore delle ricerche online, Yahoo! era l'unica a non proporre agli utenti un proprio software per la "navigazione" sul web.



In realtà, nemmeno Axis - questo il nome del progetto presentato - è un browser di tipo tradizionale. Infatti, viene al momento presentato come una semplice estensione installabile sui principali prodotti della concorrenza: Internet Explorer, Safari, Chrome e Firefox. Sul versante "mobile", Axis può essere installato dai possessori di iPhone e iPad.



La stella polare che ha guidato lo sviluppo di Axis consiste nel desiderio di abbandonare il profilo "Google-centrico" che ha sino a oggi influenzato tutti i principali motori di ricerca. L'estensione targata Yahoo!, infatti, cerca di indurre gli utenti ad abbandonare la tradizionale impostazione delle pagine SERP, gli elenchi ordinati che vengono proposti da Google, così come da Bing, in risposta a una precisa ricerca.


Le ricerche sul web, con Axis, avvengono essenzialmente per immagini: dopo aver introdotto, nella canonica casella, i termini d'interesse, l'estensione per il browser provvederà a scandagliare le pagine dei risultati mostrando, ad esempio, una serie di miniature delle pagine web di destinazione.



Il contenuto dei siti web generalmente proposti nelle SERP sotto forma di semplici link diverranno quindi immagini che appariranno e verranno dinamicamente aggiornate via a via che si digiteranno le parole d'interesse nella casella di ricerca. Per determinate tipologie di ricerche, molto specifiche, Axis determinerà istantaneamente le informazioni da visualizzare. Ad esempio, non si farà in tempo a digitare "meteo Roma" che già Axis proporrà un'accattivante schermata con lo stato del cielo e le previsioni per la capitale d'Italia.



Axis appare comunque, almeno per adesso, come un esperimento suscettibile di diversi miglioramenti. Sebbene l'esperienza d'uso su un dispositivo come l'iPad sia davvero notevole, l'estensione Yahoo! evidenzia ancora alcune lacune quali, per esempio, un'eccessiva instabilità.


Ci sono poi "errori di gioventù" probabilmente determinati dal desiderio di lanciare quanto prima il progetto in Rete: la pagina con le condizioni d'uso e la politica sulla privacy non è infatti ancora completa.



Nik Cubrilovic, noto ricercatore, spiega per esempio che la versione dell'estensione Axis destinata agli utenti di Google Chrome contiene la chiave privata del certificato digitale che i tecnici di Yahoo! hanno usato per firmare il prodotto. Tale certificato viene utilizzato per garantire che l'estensione provenga proprio da Yahoo! e che non sia stata in alcun modo alterata. Diffondere la chiave privata con l'estensione significa mettere nelle mani dei malintenzionati un potente strumento. Qualunque aggressore, infatti, potrebbe da oggi sfruttare il certificato privato di Yahoo! per diffondere sul web applicazioni maligne o estensioni per il browser altrettanto malevole ponendo in bella vista il nome della società statunitense. Essendo tale materiale, almeno in apparenza, firmato digitalmente col nome di Yahoo!, gli utenti potrebbero installare malware sui propri sistemi.


Cubrilovic, che illustra nel dettaglio la sua scoperta, afferma di aver segnalato il problema ai tecnici di Yahoo! e di essere in attesa di una risposta.



Yahoo! Axis è prelevabile gratuitamente facendo riferimento alla pagina web ufficiale.







_________________________________________________

Cliccate qui e scaricate l'applicazione gratuita Applicando+
Potrete leggere Applicando Magazine sul vostro iPad con tutti i Focus, i Servizi, i Test, i Tutorial e l'archivio storico della rivista
Buona lettura con Applicando.



CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here