Home Apple SF2002 Speciale

SF2002 Speciale

L’annuncio dei nuovi iMac con G4 lascia spazio per alcune considerazioni riguardanti i due fornitori di processori per le macchine Apple, IBM e Motorola.
Da Cupertino non hanno mai nascosto l’entusiasmo per la tecnologia AltiVec (o Velocity Engine come la chiama Apple): effettivamente numerose applicazioni traggono un gran beneficio dalla sua presenza e anche Mac OS X è in grado di sfruttarne le caratteristiche.

Però AltiVec è un’esclusiva di Motorola e IBM non ha mai voluto licenziarne l’uso dalla società con le alette, sostenendo che – se adeguatamente sviluppato – il processore G3 può raggiungere e superare le prestazioni dei G4. Ed è infatti già un po’ di tempo che Big Blue ha annunciato di avere a disposizione dei processori G3 in grado di superare la fatidica soglia del GHz, mentre Motorola, dal canto suo, annaspa in un periodo di crisi.
Ma per questioni di marketing Apple non ha mai permesso che i Mac con G3 si trovassero ad avere, perlomeno sulla carta, velocità nominali superiori alle controparti G4; da qui una divisione netta dell’offerta: iMac e iBook con i G3 di IBM, Tower e PowerBook con i G4 di Motorola, configurando così una facile identificazione di macchine Pro vs. macchine Consumer.

Con il nuovo assetto del catalogo hardware di Apple tutto ciò non ha più senso, e IBM si trova nella scomoda posizione di fornire chip solo ed esclusivamente per gli iBook. Certamente un modello di successo, ma non sufficiente a garantire adeguati volumi di consegna.
Cosa succederà ora al consorzio PowerPc, che già da un po’ di tempo non è più serrato come agli inizi? Perché Apple ha deciso di affidarsi in toto a una Motorola in crisi, trascurando una IBM più florida?

Al momento riusciamo a immaginare solo tre scenari:

– IBM che, accantonate le remore su AltiVec, finalmente inizia la produzione di processori G4 licenziando la tecnologia da Motorola magari 3spinta2 proprio da Apple.
– Dietro l’angolo ci sono veramente dei processori innovativi (G5?) con tecnologie combinate IBM e Motorola. A questo punto uno “scambio di favori” consentirebbe ad entrambi di produrre processori per Apple.
– IBM punta la sua produzione di processori G3 esclusivamente per il mercato embedded, con un progressivo interesse calante nei confronti del mercato dei computer.

Un rinnovo delle macchine Pro (soprattutto i G4 Tower, ormai non così distanti dal nuovo iMac) deve essere imminente, e per allora la situazione sarà certamente più chiara.



Ritorna alla pagina precedente

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php