Scurdammece ‘o passato

La corsa all’aggiornamento troppo spesso fa dimenticare la famosa compatibilità a ritroso. Ma nessuno butta più i piatti dalla finestra per festeggiare l’anno nuovo. Perchè dovrebbero farlo le aziende?

7 marzo 2003 C’era una volta un leit motiv.
Quasi un tranquillizzante refrain che trovavamo alla fine di ogni scheda tecnica
o di prodotto: “Garantita la compatibilità con xyz”, dove in quell’xyz si
nascondevano tutte le tecnologie, le piattaforme, gli standard precedentemente
utilizzati. Era il tempo della compatibilità a ritroso e,
sopratutto, della mai troppo poco decantata “salvaguardia degli
investimenti
“.
Quasi a voler tranquillizzare  l’utente che
avrebbe sì speso, ma non avrebbe gettato alle ortiche l’investimento
precedente.
Ma oggi siamo forse entrati in una nuova era. E del resto l’omino
col sacchetto giallo che gira comprando comprando comprando, perchè spendere fa
bene al Paese, ce lo racconta tutte le sere dagli schermi tv.
L’importante è
comprare, più ancora che investire.
Dunque, Venghino Signori! Comprate
gente, comprate!
Il più nuovo, il più bello, il più veloce.

Ma forse
c’è qualcosa che sfugge. E dev’essere qualcosa più di un dettaglio, se alla fine
il risultato è che la mano sta ben lontana dal portafoglio.
Forse il problema
sta proprio in quella compatibilità a ritroso che ogni tanto ci si
dimentica.
Qualche esempio? Ce ne sono a bizzeffe, ma ci fermeremo a uno, che
vale tutti.
Su tutti i nuovi modelli di notebook proliferano le porte
Usb. Due è lo standard. Ma non ci sono più le seriali. Poco
male, dicono. Del resto tutte le nuove periferiche sono Usb.
Appunto. Le
nuove. Chi ha in casa “vecchie” stampanti e scanner rifà la spesa. Per non
parlare di tutte quelle realtà che necessitano di un interfacciamento tra lo
strumento pc e altri strumenti elettronici, come apparati di misura o di
controllo. Sempre strumenti sono, ma perchè uno solo deve piegare a sè
l’aggiornamento degli altri?
Senza contare che tutte quelle aziende che a suo
tempo scelsero Windows Nt, hanno più di qualche problemino nella gestione delle
porte Usb.
E dunque, proponiamogli pure l’acquisto della nuova fotocamera
digitale, utilissimo strumento per chi lavora sul field o sull’assistenza.
Perchè un’immagine spesso descrive più di una relazione. Ma non dimentichiamoci
che la fotocamera probabilmente dialogherà con un pc non di ultimissima, me
nemmeno di ultima generazione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome