Salgono di grado le Rs/6000 di Ibm

Il prossimo modello S80 segnera, secondo il costruttore, un nuovo picco prestazionale da 102mila transazioni per secondo. Previsto anche l’aggiornamento Aix alla release 4.3.3 e un’architettura rack per InternetService Provider.

Fedele a un'offerta server tripartita fra As/400, Netfinity e Rs/6000, Ibm
procede nello sviluppo parallelo di tutte le gamme, senza curarsi, per ora,
dei possibili rischi di sovrapposizione produttiva. Entro la fine dell'anno
sarà pronto in particolare, l'ultimo esemplare di Rs/6000, denominato S80,
che costituirà il nuovo top di gamma, con prestazioni attese (dal
costruttore) di 102mila transazioni per secondo, ovvero il triplo
dell'attuale high-end S70A.
La nuova stazione Rs/6000 dovrebbe ospitare il doppio dei processori
massimi oggi disponibili, portando il totale possibile a 24. Essi, inoltre,
potranno beneficiare della tecnologia di interconnessione in rame, che è
stata già usata per i mainframe G6 e consente, in generale, una più rapi
da
circolazione delle informazioni fra componenti.
La S80 sarà anche la prima macchina a disporre dell'ultima release del
sistema operativo Aix, la 4.3.3, che integrerà soprattutto nuovo codice,
creato per rendere più semplice il passaggio verso architetture PowerPc e
Ia-64, nell'ambito del progetto Monterey (in collaborazione con Sco,
Sequent e Compaq). Aix 4.3.3 supporterà anche un più ampio numero di ute
nti
simultanei e di transazioni per minuto. é previsto che il sistema operativ
o
contenga funzioni di crittografia potenziate per la sicurezza via Internet,
una migliore integrazione con Windows Nt e un sistema di gestione
semplificato, con un look di tipo pc.
Per la prima volta, infine, la divisione di Ibm dedicata ai sistemi Rs/6000
lavorerà con i rack standard industriali Eia da 19 pollici, sulla base di
un progetto denominato in codice Pizzazz, che si rivolge soprattutto agli
Internet Service Provider. La configurazione potrà supportar efino a 24
server low-end separati e almeno 24 Gb di memoria nel frame.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here