Quando il robot agisce con tatto

OptoForce ha realizzato quattro nuovi moduli applicativi per i suoi sensori di forza/coppia multiassiali, che consentono ad aziende che operano nell’industria, nel settore degli imballaggi, dei dispositivi elettronici e medicali di introdurre il senso del tatto nei propri robot collaborativi.

I sensori a sei assi OptoForce introducono il senso del tatto nei robot utilizzati per svolgere lavori ad alta precisione, ad esempio lucidatura, box insertion e altre operazioni di montaggio di precisione.

OptoForce, la storia

I fondatori di OptoForce, all’epoca studenti universitari, stavano lavorando a un robot deambulante, ma avevano diversi problemi relativi al peso, alla rigidità e al costo dei sensori di forza multiassiali allora disponibili. Per risolvere questi problemi, crearono un prototipo degli attuali sensori che utilizzava la luce infrarossa per rilevare le deformazioni del guscio siliconico. Questo approccio costituisce la base dell’attuale soluzione OptoForce e garantisce misurazioni precise anche con sovraccarichi del 200%.

Attualmente compatibili con i robot di Universal Robots e KUKA (e a breve anche con quelli a marchio ABB e Yaskawa), i sensori OptoForce automatizzano queste attività, migliorando l’efficienza, velocizzando lo sviluppo dei progetti e riducendo i costi globali di produzione.

Quattro applicazioni

Box Insertion consente di automatizzare i processi di inserimento di precisione con controforze contenute, anche con forze inferiori ai 10 Newton. Può essere utilizzata, ad esempio, per inserire una batteria in un cellulare, guide o altri oggetti in un apposito alloggiamento.

Stacking/Destacking consente di automatizzare operazioni di sovrapposizione che richiedono il senso del tatto umano. Lavora con materiali morbidi, anche con forze inferiori ai 10 Newton. Quando il lavoro è programmato e in corso di svolgimento, il robot trova l’elemento successivo nel magazzino, anche se alcuni oggetti sono lontani. Grazie a questa soluzione, le operazioni di sovrapposizione che richiedono il senso del tatto umano possono essere automatizzate in modo semplice e veloce.

Palletizing offre un modo rapido per pallettizzare i pezzi a prescindere dalla loro durezza. Con l’aiuto del comando UR Palletizing e della funzione OptoForce Search è possibile apportare correzioni durante il processo di pallettizzazione.

Pin Insertion consente di inserire perni o pin di qualsiasi tipo in un foro piccolo. Si tratta di una soluzione veloce e robusta per l’aggiustaggio di precisione, con tolleranze fino a H7.

Chi è OptoForce

Fondata nel 2012 a Budapest, OptoForce offre tecnologie robotiche nel campo dei sensori di forza multiasse. I sensori di forza/torsione di OptoForce utilizzano gli infrarossi per individuare eventuali deformazioni della struttura del sensore siliconico dovute al peso o ad altre forze e sono in grado di aggiustarne la presa sugli altri componenti, introducendo il senso del tatto nei bracci robotici e nelle tecnologie dell’automazione. OptoForce sviluppa e distribuisce questi sensori all’avanguardia attraverso una rete di distributori come Schluderbacher e PST in Italia, rivolta a una grande varietà di settori, come sanità, gaming, automotive, robotica industriale ed elettrodomestici.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here