iRobot Roomba i7 robot aspirapolvere

I robot aspirapolvere rappresentano un esempio efficace di come la tecnologia possa aiutarci nelle incombenze più tediose della vita quotidiana. Tra i tanti dispositivi intelligenti che popolano la casa smart, un robot che fa le pulizie è più che benvenuto.

Anche in questo campo stiamo assistendo a una rapida evoluzione dei prodotti. I robot aspirapolvere diventano sempre più autonomi, “intelligenti” e connessi.

Nell’ultimo periodo sono state annunciate diverse novità in questo mercato, complice anche la kermesse internazionale dell’IFA di Berlino. Vediamone alcune.

Da iRobot, il robot aspirapolvere che si svuota da solo

Il robot aspirapolvere sa muoversi da solo per casa e pulire il pavimento. L’ultima frontiera del coinvolgimento umano è l’operazione di svuotamento. Ancora per poco, però. iRobot, tra i marchi leader del settore, ha infatti presentato Roomba i7+, il robot aspirapolvere che si svuota da solo.

Grazie all’Imprint Smart Mapping, Roomba i7+ ricorda la mappa della casa e i nomi delle stanze. In questo modo gli utenti possono personalizzare l’attività di pulizia e chiedere al robot di pulire una stanza specifica.

Chiedere nel vero senso della parola, perché, oltre che mediante l’app iRobot Home, è possibile anche attivarlo con la voce. Roomba i7+ supporta i dispositivi funzionanti con Alexa e Google Assistant. Al momento questo nuovo modello è però stato annunciato solo per gli Stati Uniti e il Canada. Vedremo quando arriverà sul mercato italiano, quali caratteristiche conserverà.

L’aspetto forse più interessante di Roomba i7+ è comunque che sia in grado di svuotarsi da solo. Lo sporco aspirato viene infatti svuotato automaticamente nella base di ricarica del robot aspirapolvere. La base svolge dunque la doppia funzione di stazione di ricarica e di deposito dello sporco.

Certo, qualcosa da fare la avremo in ogni caso, perché il sacchetto della base dovrà essere cambiato quando è pieno. Però, ciò avviene a intervalli di tempo molto più “rilassanti”.

iRobot e5 robot aspirapolvereSe il Roomba i7+ non è ancora stato annunciato in Italia, il Roomba e5 sarà invece disponibile sul mercato italiano alla fine di settembre. Questo nuovo modello di robot aspirapolvere di iRobot ha un prezzo di 499,99 euro.

Roomba e5 è dotato del sistema di pulizia a 3 fasi e della tecnologia brevettata di navigazione iAdapt. I sensori Dirt Detect consentono di riconoscere le aree di maggior sporco in cui concentrare l’azione pulente. È inoltre dotato di connessione Wi-Fi e può essere controllato mediante l’app per iOS e Android.

Nuovi prodotti e funzioni da Neato

Neato Robotics ha rinnovato la gamma di robot aspirapolvere introducendo due nuovi prodotti: Botvac D4 Connected e Botvac D6 Connected. Questi si aggiungono al top di gamma Botvac D7 Connected. Neato Botvac D4 Connected costa 529 euro, mentre il Botvac D6 Connected costa 729 euro.

Botvac D4 Connected include la funzionalità di mappatura e navigazione LaserSmart. Rispetto al suo predecessore, offre inoltre il 33% di batteria in più.

Neato Botvac d6Il modello superiore Botvac D6 Connected dispone di una spazzola centrale ulteriormente migliorata. I vantaggi, sottolinea il produttore, verranno notati soprattutto da chi ha animali domestici in casa. La modalità Turbo, inoltre, aumenta l’aspirazione e fa ruotare più velocemente la spazzola, sollevando molto più sporco. Così come i peli dei compagni di vita a quattro zampe.

Non solo due nuovi modelli: anche il Botvac D7 Connected si evolve. Neato ha infatti introdotto la funzionalità Zone Cleaning. Questa sarà disponibile in autunno per i nuovi acquirenti ma anche per chi già possiede questo modello.

La nuova funzione permette di pulire specifiche aree che si sporcano più di frequente. Ad esempio consentirà di creare una zona intorno alla tavola da pranzo per raccogliere le briciole che cadono sul pavimento. Le zone personalizzate si impostano in maniera facile tramite la app Neato.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di Neato Robotics.

Ecovacs porta l’intelligenza artificiale nella pulizia

All’IFA Ecovacs Robotics ha presentato per la prima volta Ecovacs AIVI. Si tratta di una tecnologia basata sull'intelligenza artificiale che consente ai robot di evitare in maniera più precisa gli ostacoli.

La sigla AIVI sta per Intelligenza Artificiale e Interpretazione Visiva. I robot dotati di questa tecnologia sono in grado di riconoscere automaticamente gli ostacoli, e agire di conseguenza. Il robot sarà dunque in grado di riconoscere oggetti sul pavimento quali scarpe, indumenti e altro.

Oltre alla gamma Deebot di robot aspirapolvere, Ecovacs Robotics propone anche la linea Winbot per la pulizia dei vetri. A questa appartiene il modello Winbot X, robot senza fili e alimentato a batteria per la pulizia delle finestre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

1 COMMENTO

  1. Buongiorno Andrea, riguardo gli aspirapolvere robot abbiamo registrato particolare interesse degli utenti con animali in casa. La questione più diffusa riguarda proprio il sistema di aspirazione ed eventuali problemi con peli di animali e capelli lunghi. Attualmente sembra che Vorwerk e iRobot offrano delle soluzioni interessanti; quest’ultima ha sviluppato un sistema di estrattori (Aeroforce) che evita grovigli e conseguenti inceppamenti degli elementi rotanti.
    Saluti, Andrea Pilotti – Guida Acquisti

Comments are closed.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here