Home Soluzioni Retail Come il retail sta interpretando l'intelligenza artificiale

Come il retail sta interpretando l’intelligenza artificiale

Un nuovo studio del Capgemini Research Institute mostra il valore che l’intelligenza artificiale genera per il retail.

Capgemini, infatti, ritiene che i retailer che riescono a portare su ampia scala ed espandere la portata delle implementazioni che utilizzano attualmente l’intelligenza artificiale potranno cogliere un’opportunità dal valore superiore ai 300 miliardi di dollari.

Ma il processo non è semplice: il report evidenzia che solamente l’1% degli use case dei retailer ha raggiunto oggi il giusto livello di implementazione.

Come dice Alessandro Kowaschutz, Head of Practices, Capgemini Business Unit Italy, “sembra che i retailer abbiano preso coscienza dell’intelligenza artificiale. Naturalmente l’implementazione e la scalabilità saranno il prossimo grande obiettivo, ma i retailer dovrebbero stare attenti a non concentrarsi esclusivamente sul ROI, perdendo di vista la customer experience”.

Per redigere lo studio “Retail superstars: How unleashing AI across functions offers a multi-billion dollar opportunityCapgemini ha intervistato 400 retailer (rappresentativi del 23% del mercato retail globale) che stanno implementando l’intelligenza artificiale.

Risulta che più di un quarto dei retailer (28%) utilizza oggi l’intelligenza artificiale: lo studio ha rilevato un incremento significativo di implementazioni in ambito intelligenza artificiale rispetto al 2017 (17%) e un aumento di 7 volte rispetto al 2016 (4%).

L’intelligenza artificiale alimenta la creazione di alcuni posti di lavoro, con perdite finora trascurabili: Il 71% dei retailer afferma che, attualmente, l’utilizzo dell’intelligenza artificiale porta alla creazione di nuovi posti di lavoro, con oltre i due terzi (68%) delle nuove posizioni lavorative che hanno un livello piuttosto elevato (di coordinamento o superiore).

Ad agosto 2018 il Capgemini Research Institute ha intervistato 400 dirigenti di aziende del settore retail di Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Cina, India, Italia, Spagna, Svezia e Paesi Bassi. Tutti hanno affermato di aver implementato degli use case in ambito intelligenza artificiale con diversi stadi di maturità in una serie di sotto settori e paesi. Capgemini ha poi condotto una seconda ricerca a ottobre, focalizzata sui primi 250 rivenditori in termini di fatturato.

Al contempo il 75% ha dichiarato che finora l’intelligenza artificiale non ha inciso sui posti di lavoro all’interno della propria azienda, mentre i partecipanti al sondaggio che hanno affermato di aver ridotto il numero dei dipendenti hanno indicato un numero pari o inferiore a 25.

L’impatto dell’intelligenza artificiale si traduce in minori reclami da parte dei clienti e maggiori vendite: attualmente i retailer sono d’accordo sull’impatto potenziale che l’intelligenza artificiale ha sia sulle relazioni con i clienti sia sulle vendite: nonostante il calo delle aspettative rispetto al 2017, tuttavia lo studio rileva che il 98% degli intervistati che utilizza l’intelligenza artificiale all’interno delle funzioni rivolte ai clienti si aspetta di assistere a un calo dei reclami fino al 15%, mentre il 99% si aspetta che l’intelligenza artificiale porti a un aumento delle vendite fino al 15%.

Per calcolare le opportunità di crescita futura, come i benefici attesi e la fattibilità dell’implementazione, il Capgemini Research Institute ha analizzato 43 casi d’uso.

Risparmi futuri per miliardi di dollari sono attualmente alla portata di una piccola minoranza di aziende retail: in futuro i retailer potranno risparmiare oltre 300 miliardi di dollari portando su vasta scala le implementazioni di intelligenza artificiale lungo l’intera supply chain.

La mancanza di un focus su implementazioni semplici e incentrate sul cliente è probabilmente dovuta al fatto che i retailer si concentrano su progetti più complessi e con rendimenti più elevati

Attualmente solamente il 26% dei casi d’uso dell’intelligenza artificiale riguarda l’area operation, sebbene siano tra i più redditizi in termini di ritorno dei costi. Tra gli esempi più significativi c’è l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per le attività di procurement (con un ROI medio del 7,9%), l’applicazione di algoritmi di rilevamento delle immagini per il controllo di furti nei negozi (7,9%) e l’ottimizzazione della catena di approvvigionamento (7,6%).

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php