Home Prodotti Mobile Recensione: Realme X50 Pro, dotazione al top e 5G a meno di...

Recensione: Realme X50 Pro, dotazione al top e 5G a meno di 600 euro

Non c’è dubbio: se si ha la necessità di uno smartphone con il 5G, il nuovo Realme X50 Pro e un’opzione sicuramente da considerare. Il più giovane brand della cinese BBK Electronics, che annovera tra le sue fila anche Oppo, OnePlus e Vivo, ha infatti realizzato un telefono potente, ottimamente dotato sul versante hardware, capace di collegarsi a tutte le bande 5G oggi disponibili e con un design molto curato. In più, il prezzo di vendita parte da 599,99 euro. Un mix di dotazione, prestazioni e prezzo che oggi non si riscontra in altri prodotti.

Package Realme X50 Pro
All’interno del package del Realme 50X Pro spiccano le dimensioni dell’alimentatore e la mancanza degli auricolari

Il 5G prima di tutto

Realme ha una chiara strategia: favorire la diffusione del 5G. E il nuovo X50 Pro ne è una prova evidente. È il nuovo top di gamma e basa il funzionamento sulla piattaforma Qualcomm Snapdragon 865 da 2,84 GHz, un riferimento per i modelli flagship attuali. Inoltre, rende disponibile il modem Qualcomm Snapdragon X55 5G, che supporta il 5G Dual-Mode e quindi abilita sia la connessione Standalone sia quella Non-Standalone.

Sul versante della connettività wireless, da sottolineare anche la possibilità di connettersi al Wi-Fi 6 e di scambiare dati via Bluetooth 5.1.

La Ram in dotazione può andare da 8 a 12 GB e lo storage da 128 a 256 GB. Non c’è possibilità di espansione. Come anche la Sim usabile è unica.

Lo schermo è un Super AMOLED da 6,44″ in risoluzione Full HD+ da 2.400×1.080 pixel con frequenza di aggiornamento che può arrivare a 90 Hz. Questo, assieme a una qualità delle immagini notevole a dei i colori ben bilanciati, rende l’utilizzo dello smartphone particolarmente fluido e piacevole. Ne beneficerà soprattutto chi usa molto il telefono con i videogame più impegnativi.

Chi ama vedere film o serie TV apprezzerà invece il supporto dei metadati dinamici tramite HDR10+.

Qualunque sia l’utilizzo, è difficile riuscire a farlo scaldare. Il sistema di raffreddamento vapor cooling sembra funzionare davvero bene.

Foto e video

Molto curata la parte fotografica. E non poteva essere diversamente, dato che ormai è un aspetto fondamentale nella valutazione di uno smartphone.

Nella parte posteriore, Realme X50 Pro propone 4 fotocamere sovrapposte: due grandangoli, uno da 64 MP e angolo di copertura di 78,6° e uno da 8 MP e angolo di copertura da 119° (con anche funzione macro), un tele da 12MP – f/2.5 e una camera per ritratti da 2 MP. Sulla parte frontale ci sono due fotocamere affiancate: da 32 MP e da 8 MP grandangolare (105°) per offrire può opportunità nei selfie.

Realme X50 Pro colori
Lo spazio colore coperto dallo smartphone è DCI-P3

Realme x50 Pro gatto
Il gatto nero è un soggetto un po’ impegnativo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La qualità delle immagini prodotte dalle fotocamere posteriori è buona. Anche lo zoom ibrido 5× ha un buon comportamento, ma se ci si spinge a 10× e oltre le foto perdono un po’ di dettaglio. Lo smartphone consente di fare scatti in formato Raw con risoluzione fino a 64 MP per poi effettuare delle elaborazioni successive.

Buone le prestazioni anche in modalità notturna.

Realme X50 Pro
Esposizione automatica ingrandimento 1×

Realme X50 Pro
Esposizione automatica ingrandimento 2×

Esposizione automatica ingrandimento 5×

Esposizione automatica ingrandimento 10×

Esposizione automatica ingrandimento 20×

Sul versante video, da evidenziare la presenza della modalità di ultragrandangolare, che permette una più ampia zona di ripresa. Efficace l’intervento del sistema UIS Max per la riduzione del mosso.

L’audio e l’interfaccia

Da rimarcare il funzionamento del sistema audio. È efficace e anche particolarmente efficiente: il suono è davvero forte. Non è solo però l’intensità a farsi notare, anche l’effetto stereo raggiunge il suo obiettivo. Sono poi supportati il Dolby Atmos e l’Audio Hi-Res, ma non c’è il jack per gli auricolari. A dire il vero, non ci sono neanche gli auricolari, la dotazione non li prevede.

Il sistema operativo usato è Android 10 con l’interfaccia UI realme, piuttosto funzionale e pratica e che permette di personalizzare praticamente ogni aspetto del telefono.

Lo sblocco dello smartphone può avvenire sia tramite riconoscimento del volto sia tramite sensore di impronta digitale, che è posto nella parte inferiore dello schermo. In entrambi i casi il riconoscimento è molto veloce e preciso. Il sensore funziona bene anche con la pellicola protettiva di cui è dotato di serie lo smartphone.

Decisamente buona l’autonomia: si arriva a sera in tutta tranquillità. Se poi non se ne fa un uso particolarmente intenso, si riesce anche a utilizzare il telefono per parte della giornata successiva. Tuttavia, va sottolineato che in dotazione c’è l’enorme alimentatore da 65 W SupertDart (lo stesso dato con l’Oppo Find X2 Pro), che consente la ricarica completa in meno di 40 minuti.

I prezzi

Realme X50 Pro sarà in vendita a breve nelle configurazioni

  • 8 GB + 128 GB: 599,90 euro
  • 8 GB + 256 GB: 669,90 euro
  • 12 GB + 256 GB: 749,90 euro

Le colorazioni sono due: Rust Red e Moss Green. Noi abbiamo avuto un modello Rust Red, un colore decisamente gradevole e cangiante a seconda del riflesso della luce. La superficie è leggermente serigrafata per limitare la scivolosità, ma anche per limitare il fastidioso effetto delle impronte digitali. Il grip è ulteriormente aumentato dal rivestimento dei bordi.

Considerando che la dotazione hardware è la medesima su tutti i modelli e che cambia sostanzialmente solo la quantità di Ram e di storage, l’entry level risulta un prodotto particolarmente competitivo sul versante degli smartphone 5G.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php