Raddoppiano con Netware 5 i profitti di Novell

Secondo trimestre con il botto per la casa di Eric Schmidt, che ha chiuso il 30 aprile il periodo in oggetto con risultati estramamente positivi su tutta la linea. Gli utili netti, in particolare, hanno raggiunto rispettando in pieno le previsioni degl

Secondo trimestre con il botto per la casa di Eric Schmidt, che ha chiuso
il 30 aprile il periodo in oggetto con risultati estramamente positivi su
tutta la linea. Gli utili netti, in particolare, hanno raggiunto
rispettando in pieno le previsioni degli analisti quota 38,7 milioni di
dollari (11 centesimi per azione) rispetto ai 19,3 milioni (0,3 dollari
unitari) consolidati dodici mesi fa. Il fatturato, grazie al contributo
fornito da tutte le aree geografiche di mercato interessate, è salito a
315,7 milioni di dollari con un incremento del 20% sullo stesso trimestre
dell'anno precedente. Nel dettaglio, la domanda registrata nella regione
Asia-Pacifico è lievitata del 23% (26 milioni di dollari), mentre le
vendite interne (169 milioni) hanno superato le entrate del corrispondente
trimestre '98 solo del 13%. L'area Emea (Europa più Africa), da parte
propria, ha offerto alla "causa" Novell l'indice di crescita più elevato,
pari al 35%, con un volume d'affari di 105 milioni di dollari. A corredo
dei risultati di bilancio, i vertici finanziari della società hanno
confermato come il 91% del business Novell del periodo sia da ricondurre
alle licenze di NetWare 5 (181 milioni di dollari) e dei prodotti di
directory (Nds), beneficiando anche dei ritardi che stanno accompagnando il
rilascio degli Active Directory della rivale Microsoft.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome