Home Soluzioni Automotive Alla guida autonoma serve un radar per le mappe

Alla guida autonoma serve un radar per le mappe

Bosch ha sviluppato un nuovo approccio alla creazione di mappe per la localizzazione e la navigazione di veicoli, in particolare di veicoli a guida autonoma anche se la tecnologia può essere applicata anche alla guida convenzionale.

Si tratta di un sistema – denominato radar road signature – che prevede l’uso di segnali radar. Secondo Bosch questi permettono di arrivare a definire una mappa molto precisa di una strada e dell’ambiente circostante perché possono rilevare miliardi di oggetti che li riflettono: la conformazione della strada, i segnali stradali, gli oggetti ai bordi delle carreggiate e via dicendo.

Di norma per realizzare una mappa precisa di un percorso stradale si usano sistemi di video mapping e telerilevamento via Lidar, ossia usando raggi laser invece di onde radio. Per Bosch i sistemi radar nella raccolta dati hanno diversi vantaggi rispetto alle soluzioni convenzionali: funzionano meglio in condizioni di bassa visibilità, hanno una portata maggiore (circa 250 metri contro 150) e consumano meno banda (5 KB di dati al chilometro contro circa il doppio). I due approcci (video/Lidar e radar) peraltro non si escludono a vicenda e possono essere usati congiuntamente.

Le mappe pensate per i veicoli a guida autonoma devono essere particolarmente precise perché non c’è a bordo un guidatore umano che possa compensare una eventuale mancanza di informazioni.

Per questo devono comprendere anche le aree che i sensori dei veicoli probabilmente non monitoreranno e sono composte da più livelli. Quello definito localization layer è analogo a una mappa in senso convenzionale: il veicolo confronta ciò che descrivono i suoi sensori in un dato momento con le informazioni del localization layer, arrivando a determinare la sua posizione rispetto agli oggetti che lo circondano.

Esistono poi altri due livelli che le mappe “umane” non hanno. Il planning layer serve a programmare la traiettoria che il veicolo dovrà seguire, in base tra l’altro alla conformazione della strada, ai segnali della viabilità e ai limiti di velocità. Il dynamic layer raccoglie informazioni su tutti gli eventi che possono essere seguiti solo in tempo reale come il variare del traffico, le deviazioni non previste o i parcheggi disponibili.

Il prossimo passo di Bosch è modificare i suoi sistemi radar per veicoli, che ora sono pensati per rilevare oggetti in movimento, in modo che possano registrare anche il posizionamento degli oggetti fissi.

L’obiettivo è mettere su strada entro il 2020 i primi veicoli che comincino a mappare le autostrade in tutto il mondo. I dati raccolti saranno memorizzati nella Bosch IoT Cloud e porteranno a definire le varie radar road signature. A portarle concretamente sul mercato sarà TomTom, che le integrerà nelle sue mappe.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php