RaaS, anche il robot può essere un servizio

nao robot ospedale

Nell’era as a service anche la robotica può diventare un servizio: la Robotics as a Service, RaaS, consiste infatti nel combinare l'hardware, ossia il robot, con il software come servizio.

Un'offerta combinata attraverso la quale il robot, come un servizio cloud tradizionale, può essere affittato.

In questo nuovo modello, passiamo da una robotica fissa in cui un robot è programmato per un compito specifico a una robotica dinamica. Il robot si connette al cloud per recuperare le risorse di cui ha bisogno per svolgere i suoi compiti e adattarsi al contesto.

L'intelligenza del robot è nel cloud

L’intelligenza è trasferita sul cloud e il robot chiede meno Cpu, Ram e spazio su disco. È più leggero e meno costoso, ma più intelligente ed efficiente. L'ultimo passo però richiede un robot che necessita solo di schede di rete.

Perché oggi un robot domestico non è progettato per evolversi. Se deve aprire una porta e la maniglia viene cambiata, il robot deve essere riprogrammato. Collegato, si rivolgerà al fornitore per cercare l'algoritmo di riconoscimento del pattern, l'eseguibile che permetterà di riconfigurare il sensore di pressione del suo braccio articolato.

L'altro vantaggio del RaaS è che, come con qualsiasi soluzione cloud, ha le ultime versioni del software. Anche la manutenzione è semplificata. Non solo i sensori forniscono lo stato del robot in tempo reale, ma è possibile eseguire il debug del robot a distanza. Un altro vantaggio è la possibilità di sincronizzare diversi robot scambiando informazioni tra loro dal cloud.

Tutti i settori del RaaS

Mercato emergente, il Rass sembra però avere un futuro brillante.

Secondo Idc, il 30% delle applicazioni commerciali robotizzate sarà offerto in questa forma entro il 2019.

Per esempio si sta lavorando su scenari, basati sul robot Nao di SoftBank Robotics, per aiutare a mantenere gli anziani a casa o assisterli nella loro vita quotidiana in istituzioni specializzate. Il robot umanoide ricorderà agli anziani di prendere i loro farmaci o accompagnarli al salone.

Un'altra linea di sviluppo è la gestione della catena di fornitura nell'e-commerce, in particolare l'acquisizione di ordini (picking) e la personalizzazione del prodotto secondo i desideri del cliente.

Nell' industria automobilistica Toyota sta già utilizzando RaaS per utilizzare i robot nella verniciatura dei veicoli. Attraverso una nuvola privata, un centro di monitoraggio a Tokyo gestisce questi robot situati nelle fabbriche del produttore in tutto il mondo. S

econdo uno studio di IDTechEx, l'agricoltura trarrà grande beneficio anche dagli input di RaaS. Invece di investire in hardware costoso per un uso una tantum, gli agricoltori potrebbero utilizzare Uav e altri robot agricoli collegati al cloud per raccogliere dati e ottimizzare i rendimenti.

La sicurezza è un altro settore di sviluppo. I robot di telepresenza che controllano i locali si moltiplicano. Gli eserciti di diversi paesi sono interessati all'argomento. La Darpa, un'agenzia del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti che studia e sviluppa nuove tecnologie per uso militare, lavora infatti su robot militari collegati.

Dal punto di vista tecnologico la difficoltà principale è rappresentata dall'interoperabilità tra il robot e gli strati applicativi. Per mancanza di standard, i produttori di robot utilizzano linguaggi e protocolli di comunicazione diversi.

Diverse iniziative stanno cercando di garantire tale interoperabilità. A partire dal progetto Robot operating system che offre una serie di strumenti informatici open source per sviluppare software per la robotica.

Questo framework permette di comunicare il robot senza preoccuparsi dell'hardware o del linguaggio di programmazione utilizzato, Python, C++ o Java. Un'altra iniziativa è il programma RoboEarth finanziato dall'UE.

Si tratta di una piattaforma open source in modalità cloud (o PaaS) attraverso la quale i robot possono scambiarsi informazioni.

L esperienza dei "confratelli" li rende così più intelligenti. Per il decollo del mercato manca poi che un importante operatore cloud commercializzi una soluzione RaaS. Ma è solo questione di tempo.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome