Quattromila persone in meno nell’organico di Apple

Le dolorose decisioni legate al piano di ristrutturazione di Apple sono finalmente arrivate. Saranno di oltre quattromila unita i tagli di organico, che comprendono sia dipendenti che lavoratori con contratti a termine.

Nel tentativo di risparmiare fino a 500 milioni di dollari nelle proprie
spese annue, Apple ha dato corso a una drastica ristrutturazione degli
organici e delle linee produttive, che porterà alla riduzione di circa un
terzo della forza lavoro entro il '98. Circa 2.700 impiegati e 1.400
lavoratori con contratto a termine saranno licenziati già a partire dalla
fine del mese. Allo stesso tempo, anche la politica produttiva subirà una
netta revisione. Le attività del'azienda, ormai, si concentreranno sui tre
fronti dell'education, del consumer e del publishing. La linea home
Performa, tuttavia, lascerà rapidamente il passo a una nuova gamma
entry-level di macchine, con il brand Macintosh, l'unico destinato a
restare "vivo" nell'hardware targato Mela. Tra le vittime "illustri" si
segnala OpenDoc, la tecnologia object component per lungo tempo sviluppata
e mai realmente terminata, che lascerà il posto a Java. Stop anche agli
sviluppo sul browser CyberDog, su Apple Video Conferencing,
sull'architettura QuickDraw Gx e sulla tecnologia Open Transport. Nel campo
dell'hardware, spariranno il network computer Pippin e i server su base
Aix. Rimarrà in essere, contrariamente alle attese, la linea Newton.
Per quanto rigiarda i piani futuri, si attendono ancora cambiamenti nei
tempi di rilascio del sistema operativo Mac Os 8. Anziché due versioni, pe
r
il 1998, ne arriverà una sola completa, alla metà dell'anno, attualmente
in
sviluppo con il nome in codice di Allegro. Tra il primo Mac Os e Allegro,
ci saranno due update intermedi. Per il secondo trimestre finanziario,
l'azienda si aspetta un fatturato di circa 1,6 miliardi di dollari, in calo
rispetto ai 2,1 iliardi di un anno fa.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here