Quarto trimestre positivo per Cdc

I risultati degli ultimi mesi permettono di migliorare i conti di un anno che ha visto la società uscire da editoria e tlc

Cdc chiude il quarto trimestre con ricavi per 165 milioni di euro in crescita dell'1,5% rispetto all'anno precedente. Secondo una nota della società "La crescita risulta particolarmente significativa in quanto raggiunta in un trimestre in cui si concentra oltre il 30% dei ricavi annui del gruppo (32,8% nel 2001), in una fase congiunturale non favorevole sia per il settore delle vendite al consumo che in particolare per quello dell'It, per l'effetto della sola crescita interna".

Nel complesso il 2001 si chiude però con ricavi di vendita nel core business della distribuzione di It pari a 501,9 milioni di euro, rispetto ai 509,9 dell'esercizio precedente. La flessione dell'1,5% è comunque migliorata rispetto al 2,9% dei primi nove mesi dell'anno. Il debito finanziario netto è di circa 34 milioni di euro con un miglioramento del 5% rispetto ai 35,7 milioni del terzo trimestre. Questo risultato tiene conto degli oneri legati alla ristrutturazione del gruppo. Nel 2001, infatti, Cdc ha abbandonato le velleità in campo editoriale cedendo la quota di controllo del gruppo Futura e si è ritirata anche dalle telecomunicazioni cedendo Policom, la società di telefonia del gruppo.
Al momento in cui scriviamo il titolo è a quota 10,95 euro e sta perdendo poco più del 2%. negli ultimi tempi comunque piazza Affari non ha penalizzato più di tanto la società toscana che in novembre aveva raggiunto 13,58 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome