Qualcomm, multa da 1 miliardo di euro perché ha pagato Apple per usare solo i suoi modem chip

Secondo i regolatori UE, Qualcomm ha commesso un abuso di posizione dominante. Il motivo? Avrebbe pagato Apple per utilizzare esclusivamente i suoi chip negli iPhone e iPad. Per questo Qualcomm ha ricevuto una multa di quasi un miliardo di euro.

In una nota il commissario UE alla Concorrenza Margrethe Vestager ha infatti dichiarato che Qualcomm aveva "illegalmente escluso i rivali dai chipset LTE per oltre cinque anni, abusando così della sua posizione dominante sul mercato". Il Commissario ha sottolineato che la società ha pagato Apple in cambio dell'esclusiva. Questo per Bruxelles significa che nessun concorrente ha avuto modo di sfidare la società in questo mercato.

Per la Ue "il comportamento di Qualcomm ha negato ai consumatori e ad altre imprese maggiore scelta e innovazione. E questo in un settore con un'enorme domanda e potenzialità di tecnologie innovative".

Qualcomm conferma la multa ma annuncia battaglia

Con una nota, Qualcomm ha confermato di aver ricevuto la sentenza della Commissione Europea "relativa a un accordo scaduto con Apple sui prezzi dei modem chip, in vigore dal 2011 al 2016".

La Commissione Europea, riporta la nota, sostiene che alcune clausole di questo accordo abbiano violato la legge sull’Antitrust dell’Unione Europea. Per questo ha inflitto una sanzione di 997.439.000 milioni di euro. Qualcomm si dichiara fermamente contraria alla sentenza e ha espresso l’intenzione di appellarsi al Tribunale dell’Unione Europea.

La sentenza della Commissione Europea non riguarda il business delle concessioni di licenze commerciali e non ha incidenza sulle attività in corso.

Siamo certi che l’accordo non violasse le norme antitrust dell’Unione Europea né pregiudicasse il mercato né danneggiasse i consumatori europei – ha dichiarato Don Rosenberg, executive vice president e general counsel della società –. Crediamo che ci siano gli estremi per un riesame del caso e inizieremo subito l’iter dell’appello".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here