Q1 in rosso per Infineon

Anche se in perdita, il produttore numero due nel mercato europeo della produzione dei chip di memoria, ha superato le previsioni di Wall Street riportando perdite per 331 milioni di euro, contro i 338 attesi

La domanda di prodotti per la comunicazione sta
lentamente riavendosi da un 2001 decisamente difficile. Ciò nonostante, il primo
trimestre dell'anno fiscale in corso si è chiuso, per Infineon
Technologies, con perdite pari a 331 milioni di euro, o 48 centesimi per azione,
comunque superiori ai 338 milioni previsti a Wall Street. Solo un anno fa, però,
le entrate nette del produttore numero due nel mercato europeo della
produzione dei chip, erano state di 280 milioni di euro, o 45 centesimi per
azione.
Nel frattempo, nel Q1 dell'anno fiscale 2002, il fatturato della
società tedesca è diminuito del 38%, fino a toccare quota 1,03 miliardi di euro
mentre, rispetto al trimestre precedente, le vendite sono scese del
18%.
Ma il peggio - stando a Ulrich Schumacher, Ceo della società - dovrebbe
essere passato. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome