Positivo il ’97 dei pc Ibm

La Pc Company Ibm chiude l’anno in crescita e si trasforma. Dal ’98, infatti, anche in Italia prenderà la forma della Personal System Group (Psg), assumendosi la responsabilità, oltre che della commercializzazione di tutte le piattaforme

La Pc Company Ibm chiude l'anno in crescita e si trasforma. Dal '98,
infatti, anche in Italia prenderà la forma della Personal System Group
(Psg), assumendosi la responsabilità, oltre che della commercializzazione
di tutte le piattaforme pc (server, desktop e notebook), anche dei problemi
relativi al manufacturing degli stessi computer (prima fra tutte, quella
del build to order) e della diffusione dei network computer. Nell'ottica
della Psg Ibm, quindi, rientreranno, oltre alla tecnologia, tematiche come
la logistica e il financing. Il tutto serve per riuscire a creare, come ha
sottolineato il responsabile italiano della Psg, Massimo Bramati
"un'azienda virtuale tra Ibm e canale di vendita, ideale per seguire con la
massima immediatezza le esigenze del mercato". Un mercato, quello italiano,
nel quale la componente piccola e media impresa ha fatto sentire la propria
forza nel 1997. Nell'anno che sta per concludersi, infatti, la Pc company
Ibm ha venduto per il 65% alle Pmi. Nel complesso, sono state piazzate
175mila macchine, di cui 7mila e 800 pc server (che significano un
raddoppio rispetto all'anno precedente), 19mila portatili e più di 148mila
desktop, di cui 19mila per il mercato consumer.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here