Home Digitale PNRR: 250 milioni per le competenze digitali, anche delle imprese

PNRR: 250 milioni per le competenze digitali, anche delle imprese

Riduzione del divario digitale, semplificazione dei servizi, agevolazioni alle imprese e maggiore sicurezza per dati e servizi della Pubblica Amministrazione.

Grazie alle novità introdotte dal decreto legge sul Piano nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), si compie un passo significativo sul fronte della transizione digitale.

La novità più importante è l’istituzione del fondo “Repubblica Digitale”.

Con uno stanziamento di 250 milioni di euro, si mettono in campo iniziative di formazione digitale e per il superamento del digital divide.

L’obiettivo è quello di raggiungere il target previsto dall’Europa, con il 70% di cittadini digitalmente abili entro il 2026.

Il Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, ha
inoltre previsto, in accordo con gli uffici del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese,
una norma per permettere ai cittadini di iscrivere e gestire online il proprio domicilio
digitale direttamente dall’anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR),
accedendo con SPID e CIE.

Grazie all’anagrafe nazionale, i Comuni hanno un unico punto di riferimento per reperire dati e informazioni anagrafiche senza doverle richiedere più volte e per poter erogare servizi integrati e più efficienti.

Il provvedimento non riguarda solo i cittadini, ma anche le imprese: nel decreto è infatti prevista una norma che consente a queste ultime di acquisire le certificazioni necessarie per le proprie attività attraverso un’unica piattaforma.

Questa funzionalità agevola l’interoperabilità e lo scambio di informazioni tra le pubbliche amministrazioni ed è un servizio telematico per il collegamento alla PDND, la Piattaforma Digitale Nazionale Dati.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php