Pmi: +10% il fatturato di chi investe nel Web

A dirlo è una ricerca del McKinsey Global Institute condotta su oltre 4.800 Pmi, di cui 415 italiane che, dati alla mano, conferma come a investire nell’economia digitale le piccole e medie imprese hanno tutto da guadagnarci. Ecco come.

Indipendentemente dal settore economico in cui operano, le imprese presenti su Internet fatturano ed esportano di più. A dirlo è McKinsey e un’indagine condotta dal suo Global Institute su oltre 4.800 Pmi operanti in 13 Paesi, Italia compresa, in cui le realtà interpellate sono state ben 415.

Per tutte la medesima sentenza: chi è presente nel mondo digitale cresce a una velocità più che doppia rispetto a chi su Internet ha una presenza minima o sul Web proprio non c’è. Ma non solo. Chi vende su Internet e investe oltre il 2% del proprio fatturato annuo in tecnologie online porta a casa un tasso di crescita di poco inferiore al 10% rispetto alle altre.

Anche in termini di export, le imprese ad alta intensità Web registrano una media dei ricavi “oltreconfine” superiore al 5% rispetto a poco più del 2% di quelle scarsamente attive online. L’aumento di produttività stimolerebbe, inoltre, il fatturato abbassando il costo del venduto e riducendo le spese amministrative con sommo gaudio della redditività.

Sarà per questo che, oltre a colmare il digital divide e a pianificare reti di nuova generazione, tra le 12 proposte messe a punto dal Dag - Digital Advisory Group ufficializzato proprio ieri, ci sono anche il lancio di una serie di roadshow regionali dedicati alle piccole e medie imprese; attività mirate per sostenerne le attività di e-commerce e la costruzione di una Digital Experience Factory per far toccare con mano, in un ambiente reale ma simulato, cosa può voler dire per una piccola e media impresa essere nel mondo digitale, anche dal punto di vista della produttività interna.

Nella promessa di Vittorio Terzi (senior director di McKinsey & Company, Italy, e presidente dell'American Chamber of Commerce in Italy, che ha promosso il gruppo attualmente composto da 30 organizzazioni, tra aziende private, pubbliche e università), tutte le mosse per colmare “nel medio periodo” il gap che ostacola l’avvento di una reale economia digitale in Italia.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here