Home Mercato Pixart.it, quando il successo è legato al Web

Pixart.it, quando il successo è legato al Web

Una crescita del 30% nel 2009 rispetto all’anno precedente e un incremento del 60% a febbraio 2010 comparato allo stesso mese nel 2009. E presto il trasloco in una nuova sede per supplire, anche se non in modo definitivo, alla necessità di ampliare la capacità produttiva per rispondere alla domanda crescente.


Questi dati positivi testimoniano il successo della formula web to print proposta da pixart.it, l’azienda fondata da Matteo Rigamonti nel 1994. E proprio a Rigamonti, amministratore delegato della società, abbiamo chiesto come è riuscito a mettere a segno tali risultati, soprattutto in un mercato che registra contrazioni costanti e difficoltà per molti operatori.



Non è importante cosa si vende ma come lo si vende – ha precisato Rigamonti -. Le regole sono sempre le stesse, gli stessi sono i sentimenti e le motivazioni che portano a comprare una bibita, un paio di scarpe, uno prodotto stampat’. Una serie di esempi alla portata di tutti esplicano ulteriormente il concetto: nel mercato delle patatine c’è un’elevatissima competizione. I player sono infiniti, infinite sono le proposte disponibili nei punti vendita. Eppure in un mercato apparentemente saturo c’è un’azienda che da alcuni anni propone patatine in un packaging inedito (un tubo rigido al posto di un sacchetto), conquistando il favore dei consumatori. Questa esempio ci porta direttamente allo status quo del mercato della stampa: apparentemente saturo, dove i player si fanno la guerra con una battaglia puramente incentrata sul prezzo. Eppure ci sono aziende che come pixart.it trovano ampio spazio per crescere e i risultati dichiarati ne sono la dimostrazione“.


Il segreto, secondo Rigamonti, è semplicemente operare nel mondo b2b degli stampati applicando le tradizionali. “Bisogna studiare il proprio prodotto – ha proseguito Rigamonti – puntando sugli effettivi bisogni primari delle persone: semplificarsi la vita, risolvere i problemi più pratici, sviluppare un business economicamente interessante, avere più tempo libero per se stessi“.



E pixart.it ha proprio puntato su un sistema user-friendly, prezzi competitivi, risposte fattive alle esigenze concrete, tempi di consegna garantiti.


A questo proposito Rigamonti ha aggiunto. “Gli operatori del mercato della stampa sono da tantissimi anni uguali a se stessi: lavorano nelle stesso modo, si relazionano ai clienti con le medesime modalità di sempre, gestiscono l’operatività quotidiana secondo la tradizione. Il risultato è un sistema statico, dove non ci sono idee nuove, che non ha saputo ripensarsi, evolversi, modificarsi nel tempo. Oggi più che mai bisogna avere il coraggio di osare”.


Proprio per evitare questa staticità, nel 2005 pixart.it ha ridisegnato il proprio modello di business, operando esclusivamente in qualità di azienda web to print al servizio di utenze prevalentemente business e con pagamenti alla consegna. “È stata una scelta azzardata: abbiamo eliminato i clienti che pagavano in ritardo e tutti quelli che avevano bisogno di rassicurazioni, consigli, continue modifiche del lavoro già in progress. Il risultato? In un primo momento siamo rimasti con pochissimi clienti, ma questa scelta  alla lunga ci ha premiato portandoci oggi ad avere 60.000 clienti in tutta Europa che apprezzano le nostre modalità di offerta e rispettano i pagamenti”.


Pixart.it non opera attraverso una forza vendita, né partecipa a fiere ed eventi, l’unica vetrina a cui si affida per presentare i proprio prodotti è il web, supportata da un’attività di marketing strutturata che utilizza i diversi tools: advertising, pubbliche relazioni, direct mailing. Perché questa scelta?


Credo fermamente che il futuro sia on line, ma nel web non c’è posto per il secondo – ha risposto Rigamonti -. Se ci si pensa bene, nel tempo sono nati diversi motori di ricerca ma oggi il leader indiscusso è Google. Di esempi così se ne potrebbero fare diversi. Per questo motivo il nostro obiettivo è di essere il leader indiscusso della stampa web to print. Sicuramente un obiettivo molto ambizioso, ma penso che un altro segreto per avere successo sia proprio quello di porsi un traguardo apparentemente irrealizzabile che potrà stimolarci, che ci costringerà a utilizzare tutte le nostre risorse, il nostro intelletto e la nostra creatività per trovare una strada che ci consenta di raggiungerlo”.



LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php