Pirateria: in 16 nella rete della Guardia di Finanza

Studi professionali e piccole imprese trovate in possesso di software illegale. E qualcuno ha provato anche a cancellarlo all’ultimo momento

Proseguono le
operazioni della Guardia di Finanza contro chi utilizza software illegale. Il Nucleo Operativo delle Fiamme Gialle di Torino ha scovato
16 fra piccole imprese e studi professionali in possesso di software illegale, duplicato
e utilizzato al di fuori dei regolari contratti di licenza.

Venticinque
responsabili sono stati denunciati all'Autorità Giudiziaria: 24 di loro per
l'art. 171 bis della legge sul Diritto d'Autore (633/41 e successive
modifiche), per detenzione e utilizzo di software abusivo in ambito
imprenditoriale; uno anche per inquinamento
probatorio: infatti è stato colto in flagrante mentre tentava di cancellare
i programmi "pirata" dal computer aziendale.

Per
questi reati ora rischiano multe cospicue oltre a condanne da sei mesi a tre
anni, mentre sono già state loro irrogate sanzioni amministrative per oltre
780.000 euro e sequestrati ben 67 hard disk contenenti software pirata (che
comprendevano prodotti di Microsoft, Adobe, Autodesk, Corel ecc.). Le aziende interessate
sono studi professionali operanti prevalentemente nei settori dell'architettura
e dell'ingegneria, oltre che piccole e medie imprese del settore manifatturiero.

“Purtroppo, dobbiamo constatare che
oltre l'84% delle realtà imprenditoriali sottoposte a verifica si trovavano in
condizioni di illegalità -
è il commento del Comandante Provinciale, Generale di
Brigata Carmine Lopez -. Un dato molto grave non solo come valore
assoluto, in quanto supera largamente la media nazionale
(attualmente assestata
al 49%, dati Idc), ma in particolar modo se
pensiamo che un'analoga campagna di verifiche era stata condotta dal nostro
comando solo due anni fa con risultati analoghi”.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here