Performance dei siti Web, a chi interessano?

Un solo secondo di ritardo nella risposta di un sito Internet equivale alla perdita dell’11% in termini di pagine visitate, del 16% di customer satisfaction e del 7% di conversione verso l’acquisto. Ma in pochi si curano di monitorare le prestazioni dei propri siti Web.

Ormai è noto. Anche senza che i dati di Aberdeen Group ricordino che un solo secondo di ritardo nella risposta di un sito Internet equivale alla perdita dell'11% in termini di pagine visitate, del 16% di customer satisfaction e del 7% di conversione verso l'acquisto, il monitoring del proprio URL ai fini di business dovrebbe apparire, ai più, scontato.

Non è, però, così.
A dirlo sono i risultati di una ricerca indipendente commissionata da Borland e condotta da Vanson Bourne coinvolgendo 590 IT decision maker di aziende dotate di mainframe e con oltre 500 dipendenti attive in diversi settori industriali in Inghilterra, Francia, Germania, Stati Uniti, Brasile, Australia, Nuova Zelanda, Hong Kong e Singapore.

Di questi, ben il 32% afferma di non monitorare, o di non sapere se il proprio sito aziendale sia monitorato o meno 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana.
In aggiunta a ciò, un altro 26% ammette di non essere a conoscenza dei tempi di risposta dei propri siti aziendali, spesso di prima generazione e risalenti alla metà degli anni novanta, in relazione anche a operazioni molto critiche, come acquisti e transazioni online e la possibilità di recupero dei dati degli utenti registrati.

A conferma di quanto riportato per conto della società di proprietà di Micro Focus, il 25% delle realtà che operano nei media/intrattenimento ammette di avere scarse informazioni rispetto a transazioni da e-commerce di grandi dimensioni seguite, maniera ancora più preoccupante, da realtà del retail (24%) e impegnate in servizi finanziari (23%).

Così, se il quadro portato all'attenzione da Vanson Bourne dipinge uno scenario in cui il 72% degli intervistati evidenzia di non essere tempestivamente informato riguardo alle problematiche del proprio sito e ben l'80% si dice non sempre in grado di risolvere quelle che si verificano online prima che arrivino al cliente, quando si parla di applicazioni Web da mobile la situazione peggiora ulteriormente.

A quanto pare, infatti, il 34% dei responsabili dei sistemi informativi interpellati non considera i tempi di upload del sito da dispositivi mobili e il 36% non effettua controlli sulla velocità delle applicazioni da mobile.

Come se non bastasse, pur consapevoli nel 79% dei casi dell'eventualità di picchi nel traffico Web provocati, ad esempio, da promozioni in particolari periodi dell'anno, il 44% dei CIO non mette in atto simulazioni di performance del sito o attività di testing.
Sotto la lente, ancora una volta, la mancanza di comunicazione tra marketing e reparto IT a conferma della quale, l'indagine evidenzia come il 73% dei rispondenti non sarebbe a conoscenza di specifiche attività di lancio di promozioni marketing prima che esse avvengano e, conseguentemente, non possa pianificarle per garantire migliori prestazioni del sito.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here