Pec, dal 30 novembre tutte le società devono averla

Le aziende che per tale data non avranno comunicato al Registro delle Imprese il proprio indirizzo di posta elettronica certificata potranno incorrere in una pena pecuniaria che va da 206 a 2.065 euro.

Entro il prossimo 29 novembre tutte le imprese costituite in forma
societaria devono comunicare il proprio indirizzo di Posta Elettronica
Certificata al Registro delle Imprese. Un adempimento che vede coinvolte oltre
due milioni di società italiane: in caso di mancata osservanza, le pene
pecuniarie vanno da 206 a 2.065 euro.

Un’altra scadenza da non dimenticare è quella del 31 gennaio 2012, data
in cui scadono i termini per l’invio all’Agenzia delle entrate dell’impronta
dell’archivio informatico di conservazione dei documenti rilevanti ai fini
tributari. Il termine vale per coloro che hanno l’esercizio commerciale
coincidente con l’anno solare.

Un’occasione per sapere come rispettare gli obblighi di legge senza rischiare
di incappare in sanzioni potrebbe essere OMAT, la mostra convegno dedicata alla
gestione elettronica di documenti e informazioni, che si terrà a Roma il 9 e 10
novembre 2011.

Nel corso di convegni e tavole rotonde, OMAT affronterà gli aspetti più
innovativi legati alla digitalizzazione. Farà da contorno a questi eventi un’area
espositiva con alcune delle più interessanti soluzioni disponibili sul
mercato.

L’ingresso è gratuito previa iscrizione sul sito www.omat360.it/rm11.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here