<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Fintech Pagamenti digitali: l’Open Banking risponde ai rischi delle frodi online

Pagamenti digitali: l’Open Banking risponde ai rischi delle frodi online

Pagamenti online accessibili e sicuri: queste le parole chiave per fidelizzare i consumatori e proteggersi dai rischi di frodi, da sempre una minaccia per tutti i soggetti che hanno a che fare con transazioni monetarie, soprattutto digitali.

Tra il 2020 e il 2025 le perdite economiche a causa di frodi nel settore dell’e-commerce, infatti, registreranno una crescita del 18% a livello globale, secondo la Juniper Research, causando perdite di miliardi di dollari. Anche l’analisi dell’Osservatorio CRIF-Mister Credit sulle Frodi Creditizie, relativa al primo semestre 2022, conferma un aumento dei casi di frodi in Italia del +26,9% rispetto all’anno precedente.

Per rispondere alle nuove esigenze di sicurezza sia dei consumatori che dei retailer, occorrono, dunque, soluzioni tecnologiche affidabili che tutelino l’intero processo di transazione. Con l’entrata in vigore della PSD2, che ha difatti rivoluzionato tutto l’ecosistema dei pagamenti digitali, banche e istituti finanziari hanno accolto l’innovazione tecnologica e favorito l’avvento dell’Open Banking, una nuova modalità di gestione di pagamenti online sicuri e personalizzati basati sull’accessibilità delle informazioni dei correntisti a operatori di terze parti che possano supportare l’intero processo di transazione finanziaria.

Nascono così numerose realtà tecnologiche in grado di fornire soluzioni reali che limitino i pericoli di frode sfruttando le API bancarie, ossia interfacce di programmazione che favoriscono lo scambio di informazioni sui loro clienti ai prestatori di servizi finanziari autorizzati, previo consenso. In questo modo, le stesse realtà commerciali sono in grado di avere un totale controllo sul cash flow, alimentando la sicurezza dei pagamenti e attenuando il rischio di frodi.

kevin., payment tech company specializzata in pagamenti account-to-account, appena sbarcata in Italia, nasce proprio con l’obiettivo di aiutare merchant e retailer, ma anche i consumatori, a rendere l’intero ecosistema dei pagamenti, non solo efficiente, ma totalmente sicuro. Detenendo la più alta copertura di API bancarie in Europa, la tech-fin company, con la sua infrastruttura di ultima generazione, è in grado di tagliare gli intermediari (carte di credito e carte) attraverso l’utilizzo della tecnologia, favorendo la totale sicurezza dei pagamenti elettronici. Ma quali sono le reali minacce a cui i merchant devono prestare attenzione durante i processi di acquisto?

Attacchi MitM

Con attacco man-in-the-middle (MitM, o “uomo nel mezzo”) si parla di una tipologia di attacco informatico in cui il truffatore, rubando i dati di una carta di credito, effettua un acquisto a nome di un altro individuo, chiedendo poi, una volta arrivata la merce, uno storno di addebito. Durante questi attacchi il rischio per il commerciante coinvolto è quello di non ricevere mai il pagamento, comportando una perdita di entrate. Come evitare il rischio? L’avvento dell’Open Banking ha favorito la nascita di realtà come kevin. che agevolano e gestiscono i pagamenti account-to-account proprio come se si trattasse di un bonifico: in questo modo il pagamento del cliente raggiunge immediatamente il conto dell’esercente. Di conseguenza, l’esercente può spedire prontamente i prodotti, o erogare i propri servizi, avendo la certezza di aver già ricevuto il denaro.

Perdite dei dettagli delle carte

Con la nascita di soluzioni account-to-account, i clienti possono pagare direttamente il merchant dal proprio conto bancario: eliminando gli intermediari di mezzo (carte e carte di credito), di conseguenza anche il rischio di frodi diminuisce drasticamente. Un’infrastruttura di pagamento, come quella di kevin. è in grado di ricalcare i token utilizzati dalle banche, garantendo il massimo livello di sicurezza digitale.

Gestione delle informazioni sensibili

Per garantire la massima protezione nella gestione delle informazioni sensibili, gli esercenti devono scegliere di collaborare solo con organizzazioni sicure o conformi al Payment Card Industry Data Security Standard (PCI DSS). Soluzione tech fin, come kevin., consentono una totale protezione dei dati sensibili, archiviati nel cloud di Amazon Web Service (AWS), utilizzato anche dai maggiori operatori del settore come Stripe, Barclays, Monzo e altri. Tutti i dati sono dunque criptati e non possono essere violati attraverso un processo di tokenizzazione che scambia i dati sensibili con quelli non sensibili.

Filippo Bergamin, Country Manager Italia di kevin
Filippo Bergamin, Country Manager Italia di kevin

“Le frodi sui pagamenti digitali, in particolate per le carte, sono da sempre una reale minaccia per gli esercenti” commenta Filippo Bergamin, Country Manager Italia di kevin. “I truffatori sono in grado di attaccare merchant in molteplici modi, causandone gravi perdite in termini economici, ma anche di fiducia da parte dei propri clienti che oggi chiedono una maggiore sicurezza sui processi di transazione. Tra i vantaggi offerti dell’Open Banking, un’infrastruttura di pagamento di ultima generazione sicura account to account può contribuire a ridurre o addirittura eliminare questo rischio, garantendo anche la massima protezione dei dati più sensibili”.

1 COMMENTO

  1. Le Carte e Contanti sono Insostituibili, Basta Un Attacco hacker o Una Tempesta Solare Per Distrggere Tutte Le Tecnologie Mondiali, Bye Bye TYecnologie e Digitale, Cosa Farete ? Vi Attaccate Al Tram? HA! mi chiedo cosa farete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php