Ora Linux è Secure

La National Security Agency ha rilasciato la seconda versione pubblica del sistema operativo Security Enhanced Linux.

La National Security Agency (Nsa) ha rilasciato la seconda versione pubblica del sistema operativo Security Enhanced Linux. Ancora in fase prototipale, il sistema operativo basato su Linux Security Module, è stato progettato come versione praticamente “non-crackabile” della piattaforma open source, destinata ad applicazioni ad alta criticità in ambienti particolarmente sensibili. La Nsa ha lavorato sull'implementazione sicura di Linux fin dallo scorso febbraio, rilasciando un primo prototipo per uso pubblico nel mese di maggio. Tra le funzionalità inglobate in questa seconda edizione, insieme a una serie di interventi sui difetti segnalati nella prima, c'è il kernel aggiornato alla release Linux più recente, la 2.4.10, opportunamente modificato ai fini di una maggiore sicurezza. Secondo la Nsa “la versione sicura di Linux si basa su una architettura di controllo degli accessi forzata, ma flessibile e robusta, con meccanismi che consentono la netta separazione delle informazioni in funzione dei requisiti di integrità e confidenzialità. In questo modo ogni tentativo di intrusione e aggiramento delle barriere di sicurezza può essere affrontato, limitando i danni provocati da applicazioni maligne o difettose”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome