Home Prodotti Networking e TLC Open Fiber ed Eolo portano la fibra alle antenne FWA

Open Fiber ed Eolo portano la fibra alle antenne FWA

Si amplia la partnership tra Open Fiber ed Eolo con un accordo finalizzato a portare la fibra alle antenne FWA, per la diffusione di servizi ultra-broadband in più aree del nostro Paese.

La collaborazione tra Open Fiber, impegnata nella connettività Fiber To The Home, ed Eolo nel fixed wireless ultra-broadband per i segmenti business e residenziale, punta a rilegare in fibra ottica 1.000 siti FWA di Eolo.

L’accordo si inserisce nel più ampio progetto di Eolo di collegare in fibra ottica la quasi totalità della propria rete entro i prossimi due anni in modo da sostenere la sempre maggiore domanda di banda da parte del mercato italiano.

Eolo Open Fiber

La rete ultra-broadband di Open Fiber conta ad oggi oltre 11 milioni di unità immobiliari connesse, con servizi già attivi in 180 grandi città e circa 2.000 comuni delle Aree Bianche.

Il piano complessivo di Open Fiber prevede di mettere in campo oltre sette miliardi di euro di risorse e la copertura di circa 20 milioni di unità immobiliari nel Paese, con l’obiettivo di colmare il digital divide e rendere disponibili a tutti i cittadini italiani i servizi digitali con le elevate prestazioni che solo una infrastruttura di ultima generazione può garantire.

La rete di Eolo, invece, raggiunge attualmente oltre 6.500 comuni in Italia e l’azienda punta a completare la copertura del Paese entro la fine del 2021.

Eolo ha dichiarato che procede infatti speditamente il piano di investimenti da 150 milioni di euro varato a maggio 2020, che dovrebbe consentire di centrare l’obiettivo di arrivare a connettere 7.500 comuni, cioè la totalità di quelli pianificati, realizzando una rete che consenta di raggiungere fino a 100 Mb/s per gli utenti domestici e 1 Gb/s per le imprese.

FWA Eolo

L’offerta a banda ultralarga di Eolo si basa su FTTH, per le aree coperte dalla fibra ottica, e sulla rete proprietaria basata sulla tecnologia FWA, Fixed Wireless Access, che si appoggia alle dorsali di distribuzione nazionale e regionale in fibra ottica e permette di raggiungere anche i comuni non raggiunti dal cavo, grazie all’architettura mista fibra-radio, attraverso 3.000 ripetitori wireless che rappresentano i punti di accesso alla rete.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php