Offerta a tempo per Oracle

La società dà tempo fino a domenica agli azionisti Bea. Dopo di allora l’offerta non sarà più valida.

Contrasti tra Oracle e Bea dopo l'offerta di acquisto presentata dieci giorni fa da Oracle.
La società guidata da Larry Ellison minaccia di far cadere l'offerta in toto se Bea non chiamerà al voto i suoi azionisti entro domenica.

Nella giornata di ieri, per la seconda volta il board di Bea ha rifiutato l'offerta, considerando i 17 dollari per azione, pari a 6,7 miliardi di dollari complessivi, non corrispondenti al valore effettivo della società.

Da parte sua, Oracle sostiene che i 17 dollari rappresentino in ogni caso un premium del 21% rispetto al valore delle azioni Bea all'8 ottobre scorso. Oracle, in conclusione, si dice non intenzionata a proseguire in una lunga battaglia per l'acquisizione della società e per questo motivo ha deciso di porre un limitee di tempo tassativo, scaduto il quale la sua proposta non sarà più valida.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome