Amd

Al Computex 2019 di Taipei Amd ha lanciato la famiglia di processori desktop Ryzen di terza generazione, basata sul nuovo core "Zen 2" ad alte prestazioni.

Il nuovo core Zen 2, afferma Amd, supera ampiamente le prestazioni della precedente architettura "Zen" ed è impiegato nei processori Amd Ryzen ed Epyc di prossima generazione. Esso include anche miglioramenti significativi del design, tra cui le dimensioni della cache e un motore in virgola mobile riprogettato.

Amd Ryzen di terza generazione

La famiglia di processori desktop ad alte prestazioni Amd Ryzen di terza generazione è progettato per offrire la performance richiesta in applicazioni di gaming, produttività e creazione di contenuti.

Oltre al nuovo core Zen 2, tutti i processori desktop Ryzen 3rd Gen presentano il supporto per PCIe 4.0, per le schede madri, la grafica e le tecnologie di storage più avanzate.

Inoltre, con la nuova famiglia di terza generazione Amd ha introdotto una nuova categoria di processori desktop Ryzen 9, con il flagship Ryzen 9 3900X da 12 core/24 thread. La famiglia è completata con i modelli Ryzen 7 a 8 core e Ryzen 5 a 6 core.

Amd ha anche introdotto un nuovo chipset X570 per socket AM4, con supporto PCIe 4.0, che ha mostrato prestazioni di storage del 42% più veloci rispetto a PCIe 3.0, e con la possibilità di abilitare schede grafiche, dispositivi di rete, unità NVMe e altre implementazioni ad alte prestazioni. Con il chipset X570 e PCIe 4.0, spiega Amd, si raddoppia la larghezza di banda per le schede madri rispetto a PCIe 3.0, e ciò consente agli utenti Pc di ottenere maggiori prestazioni e flessibilità nella creazione di sistemi personalizzati.

Sono oltre 50, informa ancora Amd, i nuovi modelli di schede madri annunciate da ASRock, Asus, Colorful, Gigabyte, MSI, così come le soluzioni di archiviazione PCIe 4.0 di partner quali Galaxy, Gigabyte e Phison.

La disponibilità globale dei processori desktop Amd Ryzen di terza generazione è attesa per il 7 luglio 2019.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito Amd, a questo link.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome