Nuova disciplina Ue su conti annuali e bilanci consolidati delle imprese

La direttiva introduce un regime semplificato a beneficio delle realtà di minori di dimensioni, con riferimento ai documenti che compongono il bilancio, agli obblighi di informativa e alla revisione legale.

Con la Direttiva 26/06/2013 n. 2013/34/UE, le cui disposizioni dovranno essere recepite
dagli Stati membri entro il 20/07/2015, sono state riviste le disposizioni a livello europeo sui
bilanci di sercizio e
i bilanci consolitati.

Le disposiziooni che si
applicheranno a partire dai bilanci 2016,
ha introdotto un regime semplificato
a beneficio delle imprese di dimensioni minori
con riferimento ai documenti che
compongono il bilancio, agli obblighi di informativa e alla revisione legale.
In particolare, si prevede la suddivisione delle imprese e dei gruppi di
imprese in diverse categorie sulla base di parametri dimensionali. Per le
microimprese e per le piccole e medie imprese sono previste esenzioni e/o
semplificazioni
, mentre informazioni aggiuntive sono richieste alle imprese di
maggiori dimensioni e agli enti di interesse pubblico. Non è inoltre previsto,
alcun obbligo di revisione legale per le imprese di minori dimensioni.

Destinatari delle nuove disposizioni sono anche le
società di capitali e le società di persone i cui soci diretti o indiretti
siano imprese di capitali, quindi, con una limitazione della responsabilità
altrimenti illimitata.

Ridurre gli oneri
amministrativi a carico soprattutto delle piccole e medie imprese e
semplificare la relativa disciplina, migliorare la comparabilità dell'informativa
resa con i bilanci, tutelare
l'interesse degli utilizzatori dei bilanci con una corretta rappresentazione
delle informazioni contabili più rilevanti: sono alcuni degli obiettivi che si è posta la nuova Direttiva.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome