Nokia OZO: realtà virtuale immersiva e professionale

Ci sono pochi dubbi sul fatto che la realtà virtuale sia la tecnologia "di tendenza" per l'intrattenimento nel prossimo futuro.

Guardando pragmaticamente al mercato si nota però che c'è ancora parecchio da fare in ambito professionale lato piattaforme per la produzione dei contenuti. In fondo è solo dal CES di inizio 2017 che si è cominciato a parlare in dettaglio di piattaforme più o meno standard e di come facilitare il consumo dei contenuti anche a chi non ha intenzione di spendere centinaia di euro per i visori attualmente di punta.

Di realtà virtuale se ne è parlato ovviamente anche al NAB, l'evento principale per il mondo video, e in questa sede Nokia ha presentato una rivisitazione integrale della sua linea OZO per la creazione di contenuti VR immersivi.

L'idea è quella di offrire una soluzione completa che va dai sistemi di ripresa a 360 gradi fino ai software per la post-produzione e per la distribuzione in rete dei contenuti.

Va sottolineato in questo senso che Nokia con OZO non sta lavorando sulla realtà virtuale generata completamente al computer ma alla sua versione "reale" e immersiva. Si tratta quindi delle riprese audio e video stereoscopiche e a 360 gradi di ambienti e soprattutto eventi che esistono davvero nella realtà, per permettere a chi è fisicamente lontano di parteciparvi.

Quando decliniamo questo concetto per gli eventi live, ciò comporta anche il problema fondamentale della ottimizzazione e distribuzione in rete dei contenuti.

ozo-workflowI componenti fondamentali della piattaforma OZO sono stati entrambi rinnovati: la telecamera OZO+ e il software OZO Creator. Accanto ad essi si colloca anche OZO Live, un modulo specifico per il broadcasting in VR di eventi dal vivo.

La combinazione tra OZO+ e OZO Creator è stata potenziata con diverse caratteristiche evolute come la cattura di video 3D stereoscopico pronto anche per la creazione di contenuti di realtà aumentata e il miglioramento della qualità visiva con un nuovo flusso di elaborazione delle immagini.

Da parte sua OZO Live ha nuove funzioni per la registrazione di audio 3D grazie alla combinazione dei flussi registrati dalla varie telecamere e può supportare il video stereoscopico dual-UHD, con risoluzione 4K per ciascun occhio.

Nokia ha lavorato molto anche alla parte "a valle" della ripresa diretta dei contenuti, quindi alla loro veicolazione sulle reti dati. In questo senso ha definito la nuova OZO Reality Platform, un insieme di componenti software che si occupa della trasmissione in streaming (e non) dei contenuti di realtà virtuale.

Qui il problema principale affrontato dalla casa finlandese è l'ottimizzazione delle trasmissioni su collegamenti a banda relativamente ridotta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here