Home Prodotti Networking e TLC Networking nel 2019, alla ricerca della connettività permanente

Networking nel 2019, alla ricerca della connettività permanente

La lista di Extreme Networks sulle tendenze del networking per il 2019, dopo un 2018 che per molte aziende è stato l’anno di avvio della trasformazione digitale comprende vari driver, dall’Internet of Things all’automazione, dal nuovo standard Wi-Fi all’edge computing.

Il comune denominatore è il fatto aziende hanno bisogno di flessibilità e connettività permanente, e la rete è alla base di tutto questo.

La trasformazione digitale, accelerata dalla necessità di migliorarel ‘esperienza di utenti e clienti, alla fine riuscirà a far evolvere il mercato delle reti. Per tenere il passo, verranno utilizzate nuove architetture di rete, agili e semplici, che non impongono la scelta tra sicurezza e resilienza.

In quanto elemento critico, secondo Extreme Networks la rete sarà l’obiettivo di una moltitudine di attacchi, e già oggi si stima che oggi ci sia un tentativo di attacco contro una rete ogni 39 secondi. E la trasformazione digitale costringe a una modifica delle strategie di sicurezza. Basti pensare a tendenze come IoT che aumentano le esigenze di connettività e ampliano l’area esposta agli attacchi, o alle nuove normative sul GDPR che hanno complicato ulteriormente la gestione della sicurezza.

Analisi, machine learning e intelligenza artificiale hanno diverse applicazioni sulla rete, in termini di previsione e prevenzione dei guasti alla sicurezza, gestione di utenti, dispositivi, applicazioni, e radiofrequenze nelle reti Wi-Fi.

Molte operazioni di configurazione del networking vengono effettuate manualmente, dispositivo per dispositivo, utilizzando l’interfaccia a riga di comando, e questo significa che qualsiasi modifica alla configurazione richiede tempo ed è soggetta a errori. Secondo IDC, entro il 2021 oltre il 25% dei servizi di infrastruttura comprenderà le funzioni di automazione e autogestione in grado di accelerare i risultati aziendali e ridurre il rischio di errore umano.

L’Internet of Things rimane una delle tendenze tecnologiche che ha un impatto maggiore sul networking. Il numero dei dispositivi collegati è particolarmente ampio in settori come la grande distribuzione, l’industria o la sanità, settori che spesso non dispongono di infrastrutture di rete particolarmente moderne. Quindi, due dei principali problemi di IoT rispetto alla rete hanno a che fare con la gestione e la sicurezza degli oggetti.

Da un punto di vista tecnologico, l’evoluzione verso lo standard wireless 802.11ax (High-Efficiency Wireless) è già in corso. 802.11ax offre una velocità di trasferimento quattro volte superiore rispetto allo standard precedente ed è progettato per ambienti pubblici ad alta densità di utenti. Ma altrettanto o addirittura più importante dei miglioramenti tecnici in termini di capacità saranno quelli relativi alla gestione della rete per ottimizzarne l’efficienza.

L’edge computing è la migrazione dei processi di calcolo verso la periferia della rete, per ridurre il volume e la distanza che i dati devono percorrere tra il dispositivo o il sensore e il server, e quindi anche i costi di trasmissione e la latenza, e migliorare la QoS. Secondo IDC, entro il 2020 il 45% di tutti i dati generati dai dispositivi IoT saranno gestiti, memorizzati, elaborati, analizzati e utilizzati, vicino o ai margini della rete.

Il modello IaaS diventerà il metodo preferito dalle imprese per fornire risorse IT come elaborazione, storage e servizi di rete, per la sua elevata scalabilità, e consentirà agli utenti di chiedere le risorse quando ne avranno bisogno, per semplificare l’erogazione di servizi temporanei o non programmati.

Le applicazioni containerizzate saranno al centro dell’attenzione grazie all’ampliamento dei loro scenari di utilizzo. Rispetto alle macchine virtuali, i container erogano applicazioni e servizi in modo più agile, perché più container possono condividere un unico sistema operativo. Pertanto, è possibile eseguire da sei a otto volte più container che macchine virtuali sullo stesso hardware.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php