Network performanti: ecco come ottenerli

Digital_Omini_Network_AccessoIl primo passo per ottenere visibilità totale sulla rete consiste nel cercare un unico sistema integrato di monitoraggio che copra l’intero “network aware.
Davanti a cadute del sistema, rallentamenti o prestazioni di rete altalenanti l’elenco dei suggerimenti a cura di Ipswitch si apre con l’invito di mettere al bando quella molteplicità di sistemi che obbligano i team It a esaminare più report per costruirsi un’idea sull’origine del guasto.

Sempre secondo il fornitore di suite software per il monitoraggio di reti, applicazioni e server, disporre di strumenti per la generazione di dashboard storici e analitici permetterà al team It di anticipare e risolvere i problemi prima che gli utenti ne siano colpiti e prima ancora che la caccia al responsabile abbia inizio.

Inoltre, l’adozione di soluzioni avanzate per automatizzare la mappatura di ogni singolo dispositivo sulla rete ne consente una visualizzazione per intero utile a restringere la ricerca della causa e individuarne la posizione precisa.

Ma visualizzare tutti i dispositivi sulla rete non basta. Per Ipswitch anche tutte le interconnessioni e le dipendenze tra i diversi dispositivi devono potersi vedere in maniera automatica, così che il team It possa ricevere solo un allarme dal dispositivo difettoso.

Una volta provveduto alla dependancy awareness automatica, il suggerimento del vendor è di scegliere una soluzione con un prezzo basato sul dispositivo anziché sulle porte. In questo modo, spiegano da Ipswitch, ci sarà una sola quota per tutto lo switch a un costo probabilmente più economico della somma delle porte.

In conclusione, dopo essersi sincerati che il fornitore prescelto abbia configurato al 100% la soluzione di monitoraggio durante la valutazione, così da evitare costi nascosti, che si aggiungeranno in seguito, l’ultimo suggerimento è di non lasciare che i problemi degenerino.
L’assicurazione, infatti, è che è sufficiente un’ora per allestire una soluzione di produzione in grado di individuare automaticamente tutti i dispositivi sulla rete, scoprire e mappare tutte le dipendenze, generare policy di allerta, applicare soglie di allarme e generare diversi dashboar.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here