Home Hardware Datacenter Naver Labs Europe, la fibra ottica che muove l'intelligenza artificiale

Naver Labs Europe, la fibra ottica che muove l’intelligenza artificiale

Rosenberger OSI ha portato a compimento un progetto di cablaggio in collaborazione con Modul’Data Center, nel più grande centro privato di ricerca sull’intelligenza artificiale in Francia, Naver Labs Europe, situato nella regione di Grenoble. Questa nuova infrastruttura offre prestazioni migliori e maggiori possibilità di evoluzione.

Naver Labs è l’organizzazione di ricerca e sviluppo di Naver, azienda ICT coreana specializzata in ecommerce, fintech, servizi cloud e digitali. I laboratori di ricerca internazionali di Naver sono focalizzati sull’avanzamento della scienza e della tecnologia in intelligenza artificiale, robotica, guida autonoma e realtà aumentata.

Di fatto il Naver Labs Europe di Grenoble, è il più grande centro di ricerca industriale di intelligenza artificiale in Francia. Il centro è specializzato in apprendimento automatico e ottimizzazione, visione artificiale, elaborazione del linguaggio naturale, UX ed etnografia.

Durante i lavori di ristrutturazione degli edifici del centro, acquistati nel 2018, è emerso che le fibre che attraversavano gli edifici erano definitivamente obsolete e necessitavano una modernizzazione della infrastruttura in fibra ottica.

Dopo l’installazione delle canalizzazioni, Rosenberger OSI e il partner installatore Modul’Data Center sono stati in grado di definire un’offerta su misura secondo le aspettative e le esigenze di Naver Labs Europe.

È stata quindi consigliata per il progetto la tecnologia MPO: grazie ai connettori multifibra, offre le condizioni ideali per la realizzazione di reti dati ad alte prestazioni al fine di ottenere una maggiore larghezza di banda e soddisfare le successive potenziali esigenze.

Questa tecnologia rende anche la scalabilità e la migrazione a operazioni di rete 40/100 Gigabit Ethernet più semplici ed efficienti con connettori certificati ufficialmente per queste velocità.

I team tecnici hanno collegato i diversi edifici con fibre pre-connettorizzate MPO multimode (OM4) (collegamenti da 50 a 150 m).

Questi trunk sono stati collegati a cassette ad alta densità (HD) e sono stati integrati nei cassetti PreCONNECT SMAP-G2 HD di Rosenberger OSI, un sistema di pannelli da 19 pollici altamente modulare e che utilizza poca plastica per il cablaggio nei data center ed altri edifici.

Con una densità fino a 72 porte LC Duplex o MTP per unità di altezza, il pannello anteriore è massimizzato. I pannelli frontali parziali (FAP) e i moduli MTP possono essere montati facilmente senza alcun attrezzo e fissati con clip. Le interfacce quadrate PreCONNECT consentono inoltre di fissare i cavi trunk, anche qui senza dover ricorrere ad attrezzi.

A seconda dell’uso e del montaggio, sono disponibili numerose soluzioni di pannelli posteriori per l’ingresso e il fissaggio dei cavi. I pannelli possono essere regolati in profondità utilizzando le guide di montaggio da 19″ e possono quindi essere adattati a diversi layout di rack.

Nonostante un ambiente classificato come cantiere ed edifici ormai superati senza le adeguate strutture per le soluzioni tecnologiche e che hanno generato un po’ più di complessità durante la costruzione, gli interventi si sono svolti in due tempi e sono durati un mese, con la supervisione giorno per giorno da parte di Rosenberger OSI delle squadre tecniche di Modul’ Data Center (società affiliata di IP Energy) per l’attivazione del cantiere e i test ottici, effettuati con successo.

La nuova attrezzatura in fibra del centro di ricerca è pienamente operativa.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php