Nasce Eicon Networks e punta alla VoIP e alla sicurezza

Eicon Networks è stata costituita alla fine del 2000 come conseguenza dell’acquisizione di Eicon da parte di i-data international. In funzione delle attività di i-data, il baricentro della proposta tecnologica di Eicon Networks è d …

Eicon Networks è stata costituita alla fine del 2000 come conseguenza
dell'acquisizione di Eicon da parte di i-data international. In
funzione delle attività di i-data, il baricentro della proposta
tecnologica di Eicon Networks è diventato quello della connessione
sicura a Internet, della messaggistica e dell'accesso remoto ad alta
velocità. La nuova offerta prodotti di Eicon Networks ha il suo
nucleo nella sicurezza e nell'implementazione di soluzioni di rete
aziendali e di accesso a reti IP.
Peraltro, con il rilascio di nuove linee tecnologiche orientate verso
l'alta velocità e il mondo IP, Eicon prevede di controbilanciare
ampiamente i proventi che derivano dalla sua forte presenza nel
mercato ISDN, un mercato che appare aver finito la sua fase espansiva.
Se la forte presenza che Eicon si prefigge di avere nel segmento
dell'ADSL deriva in parte dalla precedente esperienza nelle schede di
rete a partire da quelle X.25 sino all'ISDN, è con l'apparato
SafePipe Secure Communications Gateway che la società si appresta a
entrare in un settore che è sempre più all'attenzione dei gestori di
rete. L'apparato costituisce infatti una piattaforma multifunzione
che ha l'obiettivo di assicurare una connessione Internet sicura e
proteggere la trasmissione su Internet del flusso di voce e dati tra
sedi centrali e uffici periferici e lavoratori mobili. La gamma di
prodotti SafePipe utilizza lo standard IPSec con il triplo DES, per
incapsulare i dati e le informazioni vocali in un pacchetto
elettronico che può essere inviato via Internet o su una linea VPN.
L'apparato può essere installato tra la rete (Internet, VPN o
dedicata) di interconnessione tra due sedi aziendali o costituire lo
strato interno di una rete geografica aziendale interposta tra gli
apparati di rete esistenti e lo strato di interconnessione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here