Home Cloud MongoDB 5.0, le nuove funzioni e la svolta serverless

MongoDB 5.0, le nuove funzioni e la svolta serverless

Come ha ricordato Dev Ittycheria, Presidente e Ceo di MongoDB in una nota “MongoDB è popolare tra gli sviluppatori di tutto il mondo, ed è utilizzato da quasi 27.000 clienti a livello globale”.

Conseguentemente riscuote interesse il fatto che al MongoDB.live, di New York MongoDB  ha annunciato una serie di funzionalità che includono il rilascio di MongoDB 5.0 con supporto nativo per le serie temporali, la preview dei database serverless in MongoDB Atlas e la continua evoluzione della sua piattaforma dati con i miglioramenti per Atlas Search, Atlas Data Lake e Realm, la soluzione end-to-end per dati mobile di MongoDB.

MongoDB

MongoDB 5.0, le nuove caratteristiche

Dai cluster multicloud o istanze serverless in Atlas alle implementazioni private e ibride gestite da Ops Manager 5.0 e Kubernetes,  MongoDB 5.0 consente di supportare una gamma più ampia di carichi di lavoro, introduce nuove modalità per applicazioni più longeve e migliora ulteriormente gli aspetti legati alla privacy e alla sicurezza.

MongoDB 5.0 introduce il supporto per serie temporali native, indicizzazione per cluster e funzioni “windowing” che rendono più veloce costruire ed eseguire applicazioni come l’IoT e l’analisi finanziaria, e permettono di arricchire i dati aziendali con misurazioni di serie temporali.

Ridistribuzione dei dati costante: il Live Resharding permette agli utenti di cambiare la chiave shard in tempo reale in base alla crescita e all’evoluzione dei carichi di lavoro, senza tempi di inattività del database o migrazioni complesse.

Compatibilità delle applicazioni più longeva: gli sviluppatori ora possono rendere le loro applicazioni più longeve grazie al versioning dell’Api. Il ciclo di vita dell’applicazione può essere disaccoppiato da quello del database, fornendo un livello di protezione dell’investimento superiore agli altri database. Gli sviluppatori possono avere la certezza che il codice della loro applicazione continuerà a funzionare invariato per anni, senza interruzioni, anche se il database viene aggiornato e migliorato.

Controlli sulla privacy multicloud: la Field Level Encryption (FLE) di MongoDB ora fornisce potenti controlli sulla privacy dei dati ai cluster multicloud. Sostenuto da un audit sempre attivo e dalla rotazione dei certificati, MongoDB 5.0 aiuta gli utenti a mantenere una sicurezza rigorosa senza interruzione delle applicazioni, e con la libertà di eseguire le applicazioni ovunque.

MongoDB

Database serverless su MongoDB Atlas

Gli sviluppatori ora possono usufruire della potenza flessibile di MongoDB con la facilità di un modello serverless.

Le istanze serverless, ora disponibili in anteprima, supportano le recenti funzionalità di MongoDB in modo che gli utenti non debbano preoccuparsi della compatibilità o degli aggiornamenti.

Gli utenti devono semplicemente selezionare una regione cloud per iniziare, e poi costruire con documenti che mappano direttamente gli oggetti nel codice.

Ulteriori miglioramenti da MongoDB riguardano Atlas Search, che ora include Function Scoring che permette agli utenti di applicare formule matematiche sui campi all’interno dei documenti che influiscono sulla loro rilevanza, come la popolarità o la distanza. Gli utenti ora possono anche definire raccolte di sinonimi per un particolare indice di ricerca. Associando termini simili tra loro, gli utenti possono rispondere a una gamma più ampia di query avviate dall’utente nelle applicazioni.

MongoDB Realm ora supporta il motore di gioco Unity. Gli utenti possono ora utilizzare Realm per memorizzare i dati di gioco, come punteggi e statistiche dei giocatori, e sincronizzarli automaticamente tra i dispositivi. MongoDB sta anche investendo nel supporto di più framework multipiattaforma, gli SDK Kotlin Multiplatform e Flutter/Dart sono ora entrambi disponibili in Alpha.

Infine, MongoDB Charts è ora integrato con Atlas Data Lake. Gli utenti ora possono ora facilmente visualizzare ricchi dati memorizzati in Amazon Aws S3 senza alcun movimento di dati, duplicazione o trasformazione. Aggiungendo Atlas Data Lake come fonte di dati in Charts, gli utenti possono ottenere degli insight più complessi e significativi in tempo reale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php