Nel suo report The State of Mobile Video, OpenSignal ha analizzato l’esperienza degli utenti con il video su reti mobili. Il report, consultabile a questo indirizzo, dà una valutazione su 69 Paesi in tutto il mondo. Un Paese europeo è arrivato al primo posto in questa classifica, ma non quello che ci si aspetterebbe, sottolinea OpenSignal.

L’analisi delle esperienze mobile video aveva classificato i Paesi su una scala da 0 a 100. La valutazione teneva conto del tempo di caricamento del video, dello stallo durante la riproduzione e della qualità delle immagini.

Nell’analisi a livello globale, nove Paesi europei hanno ottenuto punteggi nella fascia Very Good (65-75). Leader in assoluto si è rivelata la Repubblica Ceca. Nella categoria Very Good a rappresentare l’Europa ci sono anche Ungheria, Norvegia, Belgio, Paesi Bassi, Danimarca, Austria, Svizzera e Slovacchia. La maggior parte degli altri Paesi europei si è classificato nella categoria Good (le altre categorie erano Fair e Poor).

In generale, evidenzia OpenSignal, i Paesi europei tendevano a posizionarsi più in alto rispetto a quelli americani. Mentre i paesi asiatici e del Medio Oriente erano distribuiti su tutta la classifica.

Mobile video, uno sguardo all’Europa

OpenSignal ha ora dato uno sguardo più approfondito all'esperienza mobile video in Europa. E al modo in cui i diversi Paesi si confrontano tra di loro.

Secondo OpenSignal ì, l'aspetto forse più sorprendente della vittoria della Repubblica Ceca è che questo Paese non era nemmeno nella top 10 per quanto riguarda la velocità complessiva di download.

Questo riflette un fenomeno più ampio osservato: velocità elevate non necessariamente equivalgono a una buona esperienza mobile video. Specialmente nella parte alta della classifica.

In effetti, il Paese al top nella velocità complessiva di download, la Corea del Sud, era superiore di più di 5 Mbps rispetto al suo contendente più vicino. Ma è riuscito a ottenere solo un sedicesimo posto nella analisi complessiva delle esperienze mobile video. In Europa, sei Paesi (Norvegia, Paesi Bassi, Belgio, Ungheria, Svizzera e Danimarca) erano presenti in entrambe le top ten. Ma qui finiva la correlazione.

I “grandi” in difficoltà

Sorprendeva anche lo scarso posizionamento di alcuni dei giganti economici europei, tra cui la Germania, il Regno Unito e la Francia.

Quest’ultima, era uno dei soli due Paesi europei nel range di classificazione Fair. Tutti e tre questi Paesi erano posizionati nella metà inferiore della tabella dell’esperienza mobile video. Al di sotto di mercati probabilmente meno sviluppati, come Bulgaria, Croazia e Slovenia.

Anche questo riflette un fenomeno più ampio osservato da OpenSignal nei più grandi mercati europei. Nei quali l’analisi mostra che la velocità e la disponibilità 4G è stagnante e persino in calo in alcuni casi.

Ciò potrebbe essere il risultato di una serie di fattori, tra cui l'elevata richiesta di dati da piani illimitati. E inoltre: l'accesso limitato a nuove frequenze e l'invecchiamento dell'infrastruttura di rete. Così come investimenti bloccati a seguito di alti livelli di concorrenza e ARPU in calo.

Ciononostante, l'Europa ha messo a segno una performance particolarmente impressionante nell’analisi OpenSignal delle esperienze video. Ha battuto le “corazzate” dell'Asia sul loro stesso “terreno di gioco”.

Ma nessuno dei Paesi analizzati ha raggiunto gamma Excellent. Il che significa che l'industria della telefonia mobile ha ancora del lavoro da fare quando si tratta di una eccellente user experience nel video.

E la risposta non risiede necessariamente e solo in reti LTE estremamente potenti in termini di velocità e disponibilità.

OpenSignal Mobile VideoNel post di analisi sul blog OpenSignal sono disponibili latabella della performance e grafici di approfondimento.

Tra questi, anche dell’Italia, che si posiziona nella parte bassa della classifica ma, come abbiamo visto, in buona compagnia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome