Mitsubishi usera la tecnologia da 0,25 micron nei suoi chip

La filiale americana di Mitsubishi Electronics ha annunciato di aver intrapreso la fase di test che la porterà a utilizzare la tecnologia da 0,25 micron nella realizzazione dei propri circuiti integrati entro la prima metà del 1998. Quest …

La filiale americana di Mitsubishi Electronics ha annunciato di aver
intrapreso la fase di test che la porterà a utilizzare la tecnologia da
0,25 micron nella realizzazione dei propri circuiti integrati entro la
prima metà del 1998. Questa nuova tecnologia consentirà all'azienda di
rendere i propri chip più veloci e meno costosi che in passato, ma anche d
i
realizzare dispositivi che consumino una quantità inferiore di energia.
Inoltre, la società ha annunciato che entro la fine del prossimo anno sar
à
in grado di passare alla tecnologia da 0,18 micron.
La tecnologia HyperDram di Mitsubishi combina le Dram da 64 Mbyte e la
logica da 0,25 micron in un singolo chip. Il procedimento verrà usato nei
chip Asic progettati per terze parti. Secondo un portavoce della società,
il futuro passaggio alla tecnologia da 0,18 micron consentirà di passare
dagli attuali 150 MHz a o250 MHz e di integrare molte più funzioni in un
singolo circuito, riducendo al tempo stesso il costo complessivo di
produzione. Inoltre, la riduzione dei consumi sarà resa possibile
dall'eliminazione di molti collegamenti interni.
Il target di questi nuovi chip sarà il mercato del multimedia, dei
notebook e dei computer palmari, ma anche quello dei telefoni cellulari,
dei videogiochi e dei set top box.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here