Minaccia Flashback, già 600.000 i Mac infettati

Nei giorni scorsi si era diffusa la notizia della
scoperta di una nuova variante del trojan Flashback, una pericolosa
minaccia che - sfruttando una vulnerabilità presente nel pacchetto Java - è in
grado di attaccare i sistemi Mac OS X.

Gli esperti di Dr. Web, azienda russa
produttrice dell'omonimo software antivirus, hanno voluto studiare quanto sia
realmente diffuso il malware Flashback sui sistemi di Apple. Il dato
emerso è davvero notevole perché sarebbero già 600.000 le macchine Mac OS X
infette, la maggior parte delle quali concentrate negli Stati Uniti (56,6%), in
Canada (19,8%), nel Regno Unito (12,8%) ed in Australia (6,1%). In Italia,
invece, gli utenti Apple bersagliati da Flashback rappresenterebbero lo
0,3% del totale. Secondo i ricercatori di Dr. Web quasi 300 macchine infette
sarebbero state rilevate proprio a Cupertino, in California, località che -
com'è noto - ospita il "quartier generale" di Apple.

Le più recenti varianti del trojan Flashback
sono state notevolmente migliorate tanto da sfruttare alcune vulnerabilità
presenti nell'implementazione di Java per Mac OS X e da evitare l'installazione
su quei sistemi ove sia rilevata la presenza di applicazioni per la sicurezza
quali Little Snitch, VirusBarrier X6, iAntiVirus, ClamXav, HTTPScoop e Packet
Peeper
od, addirittura, lo strumento di sviluppo Apple XCode.

Agli utenti viene caldamente consigliato di
installare subito il più recente aggiornamento per il pacchetto
Java messo a disposizione da Apple.

Per verificare se è sistema Mac OS X è stato
infettato da Flashback, è possibile ricorrere ai seguenti comandi, da
lanciare dalla finestra terminale del sistema operativo:

- defaults
read ~/.MacOSX/environment DYLD_INSERT_LIBRARIES

- defaults
read /Applications/Safari.app/Contents/Info LSEnvironment

- defaults
read /Applications/Firefox.app/Contents/Info LSEnvironment

Se tutti i comandi restituiscono un errore, non vi
è alcuna traccia dell'infezione. In caso contrario, è possibile seguire le
indicazioni pubblicate da F-Secure per rimuovere la
minaccia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome