Milioni di sistemi Linux a rischio: colpa di Shellshock

Scoperto un bug che gli esperti considerano più grave di Heartbleed.Le patch già disponibili.

Bash, acronimo di Bourne Again Shell,
è una shell testuale che fu creata addirittura nel 1980 ed è tutt'oggi
una delle utilità più installate ed utilizzate sui sistemi Linux e
"UNIX-like". L'interfaccia Bash viene comunemente utilizzata per
elaborare ("interpretare") i comandi passati dall'utente e permette
l'utilizzo di un linguaggio di scripting.

È prassi molto diffusa,
per alcune applicazioni, eseguire script in background proprio
appoggiandosi a Bash; inoltre, può essere usata per fornire agli utenti
uno strumento per impartire comandi da remoto, collegandosi via
SSH/Telnet.

Come confermato dalla stessa RedHat,
in queste ore è stata scoperta una pericolosa vulnerabilità nella Bash
portando alla luce un problema che esisteva da molto tempo e che sino ad
oggi non era mai stato reso pubblico. "Si tratta di un bug più grave di Heartbleed",
ha dichiarato Robert Graham di Errata Security riferendosi alla
vulnerabilità di sicurezza presente in alcune versioni di OpenSSL che in
passato ha permesso la sottrazione di informazioni e dati sensibili.

La lacuna di sicurezza individuata nella Bash è stata battezzata "Bash bug" o "Shellshock": un
aggressore remoto può sfruttarla per eseguire comandi attraverso la
shell facendo leva su delle variabili create ad arte e contenenti il
codice malevolo
. Stando a quanto riferito, infatti, nella
maggior parte delle configurazioni, la vulnerabilità è sfruttabile
attraverso la rete.

Nel caso in cui la Bash fosse configurata,
sul sistema, come shell predefinita, un aggressore remoto può riuscire
ad attaccare la macchina semplicemente modificando le intestazioni della
richiesta web trasmessa.

Secondo il NIST statunitense, la falla di sicurezza scoperta nella Bash di UNIX/Linux sarebbe estremamente critica (10 punti in una scala da uno a dieci).

Chi
gestisce server web ha già a disposizione le patch per risolvere la
lacuna di sicurezza: le distribuzione sulle quali il problema può essere
già risolto sono RedHat Linux Enterprise (dalla versione 4 alla
versione 7), Fedora, CentOS (dalla versione 5 alla versione 7), Ubuntu
10.04 LTS, 12.04 LTS e 14.04 LTS e Debian.

Per verificare se il proprio server è affetto o meno dal problema, si può digitare - dalla shell - quanto segue:

env X="() { :;} ; echo shellshock" /bin/sh -c "echo completed"
env X="() { :;} ; echo shellshock" 'which bash' -c "echo completed"

Se si otterrà shellshock come output, significa che il sistema è affetto dalla vulnerabilità.

Secondo
Robert Graham, il bug è veramente pericoloso dal momento che molti
server potrebbero restare non aggiornati. Inoltre, la vulnerabilità
interessa anche la stragrande maggioranza dei dispositivi hardware
basati su kernel Linux ed amministrabili da remoto (compresi videocamere
e sistemi di sorveglianza, hard disk di rete, NAS,...).
I primissimi test svolti dallo stesso Graham hanno già ben evidenziato come il bug sia estremamente diffuso.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome