Milano, contributi per le imprese

Possono usufruire dell’agevolazione i progetti di rete innovativi mirati ad amplare l’offerta di beni e servizi, la ricettività, l’attrattività e la vivibilità del territorio in vista dell’Expo.

La Camera di Commercio di Milano ha pubblicato un bando per per la
concessione di contributi diretti a sostenere sia la creazione sia il
consolidamento delle reti d'impresa tra le micro, piccole e medie imprese
della provincia in vista di Expo 2015.

Possono
beneficiare delle agevolazioni le Pmi con sede legale/operativa in provincia di
Milano aggregate in forma di reti già costituite, purché non beneficiarie di altri contributi
pubblici o altre agevolazioni per gli stessi interventi o le nuove reti,
da costituirsi tassativamente entro 60 giorni dalla pubblicazione della
graduatoria definitiva del bando. La
rete deve essere composta da almeno 3 imprese ed avere sede in provincia di Milano.

Possono
usufruire dell'agevolazione i progetti di rete innovativi nei seguenti ambiti
d'intervento:

  • Prodotti/servzi:
    interventi mirati ad ampliare e innovare l'offerta di beni e servizi a
    disposizione, in occasione dell'Expo
  • Ricettività e Smart City: interventi mirati a migliorare, in vista di Expo, la
    ricettività, l'attrattività e la vivibilità del territorio.

Le
spese ammissibili devono essere di importo minimo pari a 30.000 euro e comprendono:

  • creazione e/o adozione di tecnologie e soluzioni
    digitali e per l'acquisto di software e hardware;
  • promozione, comunicazione, marketing e pubblicità della
    rete;
  • acquisizione di brevetti e diritti di licenza,
    progettazione, realizzazione e deposito di brevetti e di marchi
    strettamente correlati al progetto di rete;
  • spese notarili, sostenute per la costituzione
    dell'aggregazione, fino ad un massimo di 2.000 euro;
  • attività di consulenza e assistenza tecnica
    specialistica, anche legale e fiscale;
  • locazione di spazi. L'importo presentabile deve essere
    relativo a massimo quindici mesi di locazione;
  • acquisto di tecnologie, impianti e attrezzature per la
    realizzazione di interventi per la riduzione dell'impatto ambientale e il
    risparmio energetico, inerenti al progetto;
  • eventi, workshop, esposizioni temporanee di prodotti;
  • costi del personale impegnato nel progetto;
  • costi per la formazione dei titolari d'azienda, legali
    rappresentanti, soci e del personale dipendente impegnati nel progetto;
  • costi di consulenza esterna relativi alle attività di
    un manager di rete;
  • ammodernamento e ristrutturazione di strutture,
    impianti e attrezzature.

L'agevolazione è concessa sotto forma di contributo in conto capitale pari al 50%
delle spese ammess
e, fino ad un massimo di 50.000 euro.

Le doande
possono essere presenate dal 3 giugno al 30 settembre 2014.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome