Micro Focus: la modernizzazione non è un wish, ma una necessità

Parla Piedomenico Iannarelli, regional manager Italia & GME della società. Il rehosting no risk è la chiave che attrae i clienti italiani.

Per Micro Focus l’anno fiscale chiuso alla fine di aprile è stato tutto sommato positivo.
La region guidata da Pierdomenico Iannarelli, regional manager Italia & GME, che include dunque anche il Medio Oriente, la Grecia, la Turchia, Israele e gli Emirati, ha semmai messo a segno un risultato in controtendenza rispetto all’andamento generale del mercato e chiudendo in positivo sia per quanto riguarda il fatturato, cresciuto del 6 per cento, sia per quanto riguarda la profittabilità, attestata addirittura al di sopra del 10 per cento.
”L’Italia - racconta il manager - ha saputo mantenere le posizioni rispetto al passato. Certo, stiamo parlando di un contesto non semplice, nel quale riuscire a non chiudere in negativo è già importante. Nel nostro caso, poi, ci attestiamo al livello più alto per quanto riguarda la profittabilità”.

Ma non è solo una questione di numeri.
Per Iannarelli sono importanti le prospettive.
Così, le crescite vanno anche ascritte a un nuovo posizionamento della società in mercati dove era presente esclusivamente con il marchio Borland e a un importante posizionamento strategico.
”Non possiamo dimenticare che Micro Focus è sostanzialmente una società tecnologica: questo significa che quando facciamo acquisizioni, tendiamo a concentrarci sull’integrazione tecnologica più che sugli aspetti commerciali”.
Così il manager riconosce che l’attenzione dedicata allo sviluppo di un portafoglio di offerta adeguato alle esigenze del mercato è forse un po’ mancata dal punto di vista di vista commerciale.
”Ora che siamo tornati, grazie anche alla fama di Borland e Compuware, stiamo misurando la fedeltà dei nostri clienti che ci accordano un trust, una fiducia nella nostra capacità di garantire il loro futuro”.

La solidità dei suoi prodotti nel tempo è un asset che Micro Focus valuta più di ogni altra cosa.
Ci sono aziende che usano i nostri prodotti da 25 anni, su applicazioni mission critical: questo dà di noi un’immagine di azienda in grado di dare ai clienti soluzioni stabili e di consigliarli in modo anche abbastanza disinteressato rispetto ai prodotti”.
Cinque anni fa, racconta Iannarelli, Micro Focus ha scelto di credere fortemente nella possibilità di cogliere ciò che è buono nel passato: ”Abbiamo creduto che gli imprenditori volessero costruire il futuro partendo dal passato: per questo abbiamo creato un dipartimento dedicato alla modernizzazione, che oggi è diventato centro di eccellenza anche a livello mondiale con un focus specifico sulle tematiche di riutilizzo e di rehosting delle applicazioni”.
In questo caso, giocano a favore della società sia le sue competenze sugli ambienti mainframe, sia in ambienti open, che le assegna di fatto un ruolo di consulente super partes rispetto alle scelte e alle decioni dei suoi clienti.

”La crisi economica ci ha aiutato, perché i clienti vogliono risparmiare e l’idea del riutilizzo va proprio in questa direzione”.
Non solo: le esperienze dei clienti di Micro Focus sono referenziabili e dunque condivisibili anche con altre realtà.
E non è certo un caso che proprio i primi mesi del nuovo anno fiscale siano stati caratterizzati da importanti progetti di rehosting da mainframe ad ambienti non dipartimentali per il mondo assicurativo e del finance proprio nel nostro Paese.
”La modernizzazione non è un wish, ma una necessità”, sancisce Iannarelli che parla di progetti mdi migrazione no risk in 6-9 mesi, di risparmi garantiti per contratto e di saving misurabili dal 30 al 70 per cento.

Quanto all’approccio al mercato, la fascia bassa è indirizzata con Isv e rivenditori di appicativi: figurano tra i partner Micro Focus realtà come TeamSystem, Zucchetti, Walters Kluver, StudioPharma, che a loro volta toccano qualcosa come 120.000 clienti finali.
Poi ci sono gli sviluppatori, che scelgono di lavorare con prodotti MicroFocus: ”In effetti con VisualCobol abbiamo creato anella di congiunzione tra il mondo Java e il mondo del Cobol, offrendo agli sviluppatori una interfaccia utente identica a quella che utilizzano in Java”.
Proprio questo tipo di approccio sta oggi aprendo la strada verso il mondo mobile.
”In fondo il mobile non è che una delle conseguenze della modernizzazione delle applicazioni: le applicazioni devono essere hardware e software independent. Noi non abbiamo un approccio specifico al cloud o al mobile, perché sono già parte della nostra offerta. I nostri prodotti nascono già per adattarsi alle diverse condizioni di utilizzo”.
La società lavora poi con una sessantina di integratori e Isv che lavorano con medie imprese.
Resta, infine, il mainframe.
Ce ne sono ancora 35 attivi, ma il loro numero si sta gradualmente riducendo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here