Mercato dei pc: le incertezze pesano sul fatturato record Microsoft

"Avremmo potuto far meglio" è in sostanza il messaggio che la dirigenza Microsoft ha trasmesso l’altro giorno in occasione della pubblicazione dell’ultima trimestrale di bilancio. I profitti del quarto trimestre sono aumentati del 10% …

"Avremmo potuto far meglio" è in sostanza il messaggio che la
dirigenza Microsoft ha trasmesso l'altro giorno in occasione della
pubblicazione dell'ultima trimestrale di bilancio. I profitti del
quarto trimestre sono aumentati del 10% e l'anno finanziario 2000 si
conclude con un volume di affari di 22,96 miliardi di dollari
equivalente a un nuovo record e a una crescita complessiva pari al
16%. Il successo va attributato al buon andamento delle divisioni
consumer mentre il comparto del pc aziendale continua a dare segni di
debolezza. Per quanto riguarda le cifre dell'ultimo quarto, Microsoft
registra un utile di 2,41 miliardi su un fatturato di 5,8 miliardi di
dollari, contro i valori di 2,2 e 5,75 miliardi rispettivamente
registrati nello stesso periodo di un anno fa. Nel 2000 Microsoft
annuncia un utile netto di 9,42 miliardi e un dividendo di 1,7
dollari ad azione, contro gli 1,42 dollari del 1999. Ma il buon
andamento deriva soprattutto dai risultati positivi del business al
consumo e in particolare sull'on line, che nell'ultimo trimestre è
cresciuto addirittura del 50%. La base di abbonati al servizio e al
portale Msn ha raggiunto la cifra di 3 milioni di persone. Viceversa,
i fatturati legati agli acquisti di prodotti per personal computer
hanno subito il negativo influsso del calo di vendite e della penuria
di componentistica che hanno penalizzato il mercato dei sistemi Oem,
intaccando quindi i redditi che Microsoft deriva dalla cessione delle
licenze per il suo sistema operativo. In realtà gli andamenti parlano
di vendite robuste nel mese di maggio, seguite da un forte
rallentamento a giugno e da una successiva ripresa verso la fine del
quadrimestre. Di fronte a una situazione così altalenante, precisa
Microsoft, è difficile fare previsioni a medio termine.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here