Manugistics dice addio al presidente

L’annuncio della dipartita di Jeremy Coote, in carica da oltre un anno, arriva a breve distanza dall’insediamento del nuovo Ceo, Joe Cowan.

1 settembre 2004

Manugistics ha licenziato il suo presidente, Jeremy Coote, in carica da oltre un anno. L'annuncio arriva a breve distanza dall'insediamento del nuovo Ceo, Joe Cowan.

“Nella situazione attuale - ha affermato una portavoce della società, Sheila Blackwell - il ruolo del presidente non è più necessario”. Infatti, Cowan assumerà le responsabilità di Coote anche se la stessa portavoce si è affrettata a chiarire che la chiusura dei rapporti tra l'ex presidente e l'azienda è avvenuta senza rancori.

Manugistics ha vissuto un periodo non proprio positivo, con fatturati che, la scorsa primavera, hanno generato bilanci in perdita e azioni con prezzi in calo vertiginoso, passate dai 9 dollari e 10 centesimi dello scorso gennaio ai 2 dollari e 30 di martedì.

Secondo l'analista di Jmp Securities Patrick Walravens, la società si preparerebbe a una nuova fase di ristrutturazione, che dovrebbe sfociare nel taglio di una quota compresa tra il 20 e il 25% della forza lavoro (867 persone).

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here