Home MacBook Pro 2016: Apple ha cambiato la risoluzione di default

MacBook Pro 2016: Apple ha cambiato la risoluzione di default

Chi ha provato i nuovi MacBook Pro 2016 ha scoperto che Apple ha modificato l’impostazione di default legata alla risoluzione “apparente” dei display Retina. Da quando questi tipi di display sono stati integrati nei portatili, la configurazione di default preimpostata nelle Preferenze di Sistema è sempre stata quella tecnicamente denominata “@2X”, in cui la risoluzione “logica” dello schermo era la metà di quella fisica. Oggi non è più così.

Facciamo un passo indietro. Gli schermi Retina hanno una risoluzione effettiva di 2.800 x 1.800 pixel per i modelli da 15 pollici e di 2.560 x 1.600 per quelli da 13 pollici. Il sistema operativo usa quattro pixel fisici per mostrare un punto, dimezzando così la risoluzione che le applicazioni e macOS stesso possono gestire: 1.400 x 900 per i 15 pollici e 1.280 x 800 per i 13. I punti sono di meno ma sono “disegnati” in maniera molto più definita, motivo per cui gli schermi Retina appaiono così leggibili e “incisi”.

Nella nuova generazione di MacBook Pro, Apple deve aver deciso che si può sopportare una piccola perdita di questa definizione in cambio di un maggiore spazio usabile su schermo. Per questo l’impostazione di default non è più il dimezzamento della risoluzione fisica ma un valore leggermente più alto: 1.680 x 1.050 nei MacBook Pro con schermo da 15 pollici e 1.400 x 900 per i 13 pollici.

retina-display-prefeSi tratta del classico “dettaglio ma non troppo”, nel senso che pilotare un display a una risoluzione che non è un dimezzamento della sua risoluzione fisica introduce un minimo di disturbo. Per molti sarà impercettibile, chi lo nota può modificare l’impostazione della risoluzione dalle Preferenze di Sistema.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php