Ma l’Instant messaging sta in azienda?

Cinque fattori da considerare per poter usare l’Im a scopo di business.

CommuniGate Systems, società che fa software per i fornitori di servizi di telecomunicazione, pensa che l'Instant Messaging presto sarà molto diffuso nel mondo lavorativo essendo, come l'e-mail, una tecnologia mobile, ma molto più rapido e oltretutto permette di vedere in tempo reale la disponibilità dei propri contatti.

Secondo una stima di Gartner, l'Im, come podcasting, VoIp e Video on demand da qui al 2012 saranno sempre più diffusi nel mondo del lavoro.

Ma sempre per CommuniGate, per far sì che ciò possa accadere all'Im, è necessario tenere in considerazione cinque fattori.

Il primo è la minimizzazione dei rischi di sicurezza.
L'Instant Messaging può essere utilizzato per inviare diversi tipi di file e, a seconda del client utilizzato, può permettere l'accesso remoto al desktop rendendolo così un strumento sfruttabile da una grande quantità di minacce alla sicurezza. I client Im si basano su una tecnologia simile al P2P e comunicano direttamente l'uno con l'altro così da riuscire a eludere il controllo centrale o le misure di protezione. Le aziende dovrebbero considerare questo aspetto con i rischi ad esso associati, ponendo maggiore attenzione su due aspetti: il primo è il rilascio involontario di file da parte degli utilizzatori di Im; il secondo è la possibilità di accesso ai server così come l'accesso non autorizzato al sistema. Infatti, gli hacker possono, ad esempio, sfruttare i punti deboli dei sistemi per oltrepassare i firewall così da raggiungere l'accesso diretto ai desktop e ai network. Questo tipo di intrusione può essere evitata facendo ricorso ai protocolli Ssl/Tsl (Secure Sockets Layer/Transport Layer Security) per la comunicazione criptata, o ad un sistema di Identity Access Management.

Il secondo fattore da tenere in considerazione è il monitoraggio dei gateway, che così come la protezione antivirus, generalmente fa in modo che i worm spediti via internet non costituiscano una grossa minaccia per i sistemi delle aziende. Però, dato che il traffico Im è spesso integrato con i pacchetti Http, l'individuazione dei worm diventa complicata e può causare diversi problemi alla maggior parte dei programmi anti-virus server-based che non controllano il passaggio di informazioni Im dai gateway. Ciò significa che la maggior parte degli utilizzatori di computer sono aperti agli attacchi di worm inviati via Im.

Poi è necessario procedere alla definizione delle linee guida.
L'Instant Messaging, infatti, dovrebbe essere integrato all'interno delle strategie di comunicazione delle aziende. Come nel caso delle e-mail, l'Im dovrebbe avere delle linee guida alle quali i dipendenti devono aderire. Queste linee aziendali dovrebbero contenere le informazioni riguardanti i servizi a cui è possibile accedere, la tipologia di utilizzo e le informazioni sul monitoraggio, sul login e le potenziali conseguenze legali.

Quarto fattore è il Log communication: l'accesso e la comunicazione attraverso un sistema di Instant Messaging dovrebbero essere registrati al fine di imporre agli utilizzatori le linee guida, il monitoraggio del traffico dei messaggi e di avere traccia dell'utilizzo.

Infine, le aziende dovrebbero procedere alla definizione e standardizzazione degli user name. Anziché permettere agli utenti Im di creare il loro username personalizzato, le aziende dovrebbero adottare una piattaforma Im unica e un sistema di naming basato ad esempio sugli indirizzi email piuttosto che sulle Active Directory o sugli Ldap (Lightweight Directory Access Protocol, un protocollo standard per l'interrogazione e la modifica dei servizi di directory). Questa strategia eviterebbe il conflitto o il mix tra username, assicurando di mantenere l'identificazione di ciascun utente.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here