Linux sempre piu pervasivo

Si sono svolte, in contemporanea, due manifestazioni dedicati al sistema operativo open source, una a New York (LinuxWorld) e l’altra a Parigi (Linux Expo).

Una singolare coincidenza ha portato allo svolgimento, ai poli
opposti del Globo, di due manifestazioni in contemporanea dedicate a
Linux. Tanto al parigino Linux Expo quanto al LinuxWorld di New York
l'affluenza è stata considerevole e non sono mancati annunci anche
importanti.
Lunux Expo ha accolto 10mila visitatori (principalmente
professionisti dell'informatica) e circa 200 espositori, in crescita
rispetto all'anno precedente (8mila presenze e 150 espositori). Si è
potuto soprattutto notare come l'ambiente open source sia ormai in
grado di "infiltrarsi" su ogni tipologia di macchina e come si stiano
moltiplicando i tool di sviluppo. Linux era presente su dispositivi
come Pda (soprattutto gli iPaq di Compaq), prodotti per l'accesso a
Internet, così come server e grandi sistemi. Ibm, per esempio, ha
esibito uno zSeries (S/390) e, per la prima volta, un iSeries
(As/400), che faceva girare Linux come uno dei servizi di Os/400.
Non molte sono state le innovazioni hardware, ma in compenso si è
visto fermento sul fronte dello sviluppo, a cominciare dal Kylix, la
piattaforma Rad di Borland già da noi trattata nei
x-link
giorni scorsi; 010; A; 31-01-2001
x-fine-link
. Omnis Studio, di Aware, è un altro strumento Rad, orientato ai
client leggeri. Infine, il gruppo Sqli ha annunciato il progetto
Interligo, basato su Php, Xml, Java e su biblioteche di componenti
Open Source, per lo sviluppo di applicazioni Web.
Dal LinuxWorld di New, York, invece, arriva la notizia della
creazione di PartnerAxis, un marketplace B2B promosso da Caldera e
progettato per collegare fornitori di soluzioni Linux con produttori
e clienti. Il sito supporterà tutte le distribuzioni più importanti,
come Caldera, Red Hat, SuSe e TurboLinux
Più in generale, anche a New York sono convenuti circa 200 espositori
e i nomi andavano da Ibm a Oracle, fino a Dell. E fra il pubblico si
sono visti numerosi esponenti di grandi realtà industriali e
finanziarie, sempre più attratti da un prodotto con il codice
sorgente aperto, una facile personalizzazione e una stabilità ormai
più che soddisfacente. Secondo Idc, infatti, nel 1999 Linux era
caricato sul 309% dei desktop e il 24% dei server rilasciati. Non ci
sono dati ufficiali aggiornati, ma lo stesso ricercatore sta
completando uno studio dal quale si evince che la popolarità dell'Os
nei server sta crescendo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here