Linux protettore dei dati

Ora che un "pinguino" si sente di casa in molte parti degli Stati Uniti, è forse il tempo che il sistema operativo che porta il suo logo cresca abbastanza per permettere alle aziende di far fronte a qualsiasi disastro. Mentre Linux fre …

Ora che un "pinguino" si sente di casa in molte parti degli Stati
Uniti, è forse il tempo che il sistema operativo che porta il suo
logo cresca abbastanza per permettere alle aziende di far fronte a
qualsiasi disastro. Mentre Linux freeware porta il mercato del
workgroup in una tempesta, molti dei suoi più forti sostenitori sono
in attesa del codice e dei prodotti per realizzare un vero sistema di
data center. A tal proposito, Veritas Software farà la propria parte
alla fine del mese. Il software vendor proteggerà i dati basati su
Linux con capacità di backup e recovery, che funzionano peraltro già
con i dati provenienti Aix, Hp-Ux, Solaris e Windows 2000. Ora, però,
a proteggere i dati provenienti Red Hat Linux, a partire dal prossimo
mese, ci saranno anche Veritas NetBackup DataCenter e Veritas
NetBackup BusinessServer. La versione DataCenter di NetBackup aiuterà
automaticamente il backup di terabyte di dati velocemente, tanti
quanti può muoverne l'architettura hardware, inclusi i server, le
librerie a nastro e le reti. I prezzi della versione Linux partono
da 5mila dollari, mentre la versione BusinessServer, progettata per
piccole installazioni, parte da un prezzo di 1.995 dollari.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here