Liguria, 26 milioni di euro per l’innovazione tecnologica

Destinati alle piccole e medie imprese, i fondi intendono favorire lo sviluppo dei processi di innovazione e contribuire al rafforzamento e al miglioramento del sistema economico e produttivo della regione.

Ammontano a 26 milioni di euro i finanziamenti messi a disposizione dalla Regione Liguria,
grazie al POR-FESR, fondo europeo di sviluppo regionale 2007-2013 per gli investimenti innovativi delle piccole
e medie imprese
.

L'intervento vuole favorire lo sviluppo dei processi di innovazione e
contribuire al rafforzamento e al miglioramento del sistema economico
produttivo ligure
, sostenendo l'innovazione tecnologica, produttiva,
commerciale, organizzativa e gestionale
delle imprese.

Potranno presentare la domanda, a partire dal 2 aprile 2013, le imprese
singole o associate, in forma consortile o cooperativa anche di nuova
costituzione. Gli investimenti ammessi riguarderanno strutture operative
collocate in Liguria che risultino regolarmente censite presso le Camere di
Commercio. Il bando prevede la concessione di prestiti rimborsabili erogati
direttamente da Filse fino a un massimo del 70% dell'investimento ammissibile
,
oppure in compartecipazione con il sistema bancario fino a un massimo del 100%
dell'investimento ammissibile
di cui l'80% a carico di Filse e il restante 20%
a carico del sistema bancario convenzionato. I prestito potrà andare da un
minimo di 150.000 euro a un massimo di 2 milioni.

Entrambe le modalità sono caratterizzate da un piano di ammortamento con
durata massima di 7 anni
, con rate semestrali posticipate costanti, comprensive
di un numero massimo di 4 semestri di pre-ammortamento. Alla quota di prestito
rimborsabile a valere su fondi pubblici viene applicato  un tasso fisso
nominale annuo pari allo 0,5%.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here