L’Europa si unisce nelle transazioni elettroniche

In vigore da settembre e da applicarsi entro metà 2016 il regolamento che punta a uniformare fra i vari Stati la sicurezza su identità digitale e relative firme. Il parere di InfoCert.

In seguito alla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale europea del 28 agosto, il nuovo regolamento Ue sull’identità digitale e le firme elettroniche eIdas 910/2014, entrerà in vigore il 17 settembre e dovrà essere applicato dagli Stati membri entro la fine di giugno del 2016.

Adottato in via definitiva dal Consiglio a fine luglio, dopo il consueto iter istituzionale che aveva visto il Parlamento europeo votarlo in prima lettura lo scorso aprile, il regolamento norma l“Identificazione elettronica e servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno”.
Intende, insomma, creare uno spazio condiviso e sicuro per le transazioni elettroniche fra imprese, cittadini e settore pubblico.

Il fine più evidente è dare inequivocabilità alle transazioni e al commercio elettronico, oltre che alle comunicazioni fra enti, non più solo a livello nazionale, ma comunitario.

Un regolamento che si lascia alle spalle l’ormai vetusta direttiva 1999/99/CE (che sarà abrogata fra due anni) e che invita (in realtà obbliga, dato che a differenza della direttiva è immediatamente rogante) gli Stati a rendere il mercato digitale un luogo di certezza di diritto.

Si tratta, insomma, di infondere fiducia nelle transazioni digitali, per decreto, senza se e senza ma, garantendo il reciproco riconoscimento dell’identificazione elettronica.

A un cittadino di uno Stato membro europeo dovrà essere garantito che i dati di identificazione elettronica corrispondono a una persona fisica o giuridica, al netto del fatto che spetta comunque alle singole autorità nazionali provvedere.

Sono previste, quindi, regole che garantiscono l’affidabilità a livello europeo dei servizi fiduciari connessi, come il timbro elettronico.

Servirà vigilare, pertanto gli organi preposti dovranno collaborare a livello transnazionale.

Infocert: un passo di fiducia

Commentando la pubblicazione del Regolamento, Danilo Cattaneo, Direttore Generale di InfoCert, ha osservato come si tratti di «un primo passo concreto sul percorso di rafforzamento della fiducia nelle transazioni elettroniche nel mercato europeo, facilitando la costruzione di una base comune per interazioni elettroniche più semplici e sicure fra individui, imprese e autorità pubbliche, e verso il più ampio obiettivo di consentire a cittadini e imprese dell’Unione di godere dei vantaggi di un mercato unico digitale e di servizi digitali transfrontalieri».

Cattaneo ricorda come il regolamento sia «direttamente applicabile negli Stati membri, senza atti di recepimento, come invece accade per le direttive europee. Grazie ad esso sarà possibile dematerializzare a norma di legge con regole identiche in tutta la Ue: una grande opportunità per le tante aziende italiane che ritengono l’esportazione un mezzo fondamentale per la loro crescita, ancor di più nell’attuale momento storico di difficoltà per il nostro Paese.
Appare però chiaro che all’azione normativa delle istituzioni, europee o nazionali che siano, e alle aspettative delle imprese deve corrispondere la capacità degli operatori del settore Ict di progettare e sviluppare soluzioni ad alto valore tecnologico e di reale utilità per le parti coinvolte. In pratica, soluzioni di dematerializzazione che materializzino benefici tangibili per tutti. È quello che ha fatto e sta facendo InfoCert, con attività di ricerca, sviluppo ed erogazione di soluzioni orientate costantemente ai cittadini e alle aziende
».

Cattaneo fa riferimento a ProCida (Project for Certified Identity in the Digital Agenda), il progetto in cui InfoCert sta investendo come capofila di una rete di imprese e mondo accademico. Si tratta di un progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, approvato nell’ambito del Bando Regionale Insieme x Vincere”finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (Fesr).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome