L’esperienza di alcuni enti locali

Presso le sedi di alcuni enti locali sono già state implementate soluzioni di sicurezza biometrica, soluzioni applicate da Cnipa, sia per tutelare i dipendenti che gli utenti. Spiega Alessandro Alessandroni, responsabile Ufficio Osservatorio del …

Presso le sedi di alcuni enti locali sono già state implementate soluzioni
di sicurezza biometrica, soluzioni applicate da Cnipa, sia per tutelare i dipendenti
che gli utenti. Spiega Alessandro Alessandroni, responsabile Ufficio Osservatorio
del mercato, Cnipa: «Sono soluzioni che adottiamo in enti locali con
circa 500 dipendenti, in sedi con sportelli aperti al pubblico ed uffici riservati
al personale. Lo scopo è consentire l’accesso a certi uffici solo
a dipendenti autorizzati, anche fuori dei normali orari di lavoro, laddove non
sia disponibile una vigilanza
». La soluzione prevede che gli accessi
agli uffici siano protetti da sistemi di autenticazione biometrica basati sul
riconoscimento dell’impronta digitale, collegati alla rete locale dell’organizzazione.
Le persone registrate vengono divise in gruppi, a ognuno dei quali è
assegnato un orario di ingresso alle aree autorizzate. L’accesso avviene
apponendo sullo scanner una delle due dita registrate, il sistema autentica
il soggetto, verifica le autorizzazioni per il gruppo d’appartenenza e
consente l’accesso.

«I template risiedono in un server in rete, ma anche all’interno
dei dispositivi di lettura
- continua Alessandroni - che, quindi ,funzionano
anche in caso di interruzione della rete. Tutte le comunicazioni tra server
e dispositivi e le impronte nel database sono cifrate. Il personale per cui
non sia possibile la registrazione delle impronte e i visitatori occasionali
vengono dotati di una smart card e del relativo pin, indispensabili per l’autenticazione
e l’accesso. Ogni movimento è registrato nel dispositivo, che periodicamente
scarica i dati in un database nel server. Se il sistema viene manomesso si attiva
un sistema di allarme o viene segnalata l’anomalia tramite un messaggio
inviato a un pc della rete. Pensiamo che presto questo tipo di controllo potrebbe
essere esteso ad altre aree, quali la sala macchine e gli archivi
».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here