L’efficacia di Corridoi caldi e freddi

Uno degli accorgimenti più utili per contenere gli sprechi energetici in un data center deve essere tenuto in debito conto già nella fase di disegno della facility. «Si tratta – puntualizza Andrea Marini, responsabile business farm development and mana …

Uno degli accorgimenti più utili per contenere gli sprechi energetici in un data center deve essere tenuto in debito conto già nella fase di disegno della facility. «Si tratta - puntualizza Andrea Marini, responsabile business farm development and management della facility i.Net di Settimo Milanese (Mi) - di una best practice che prevede una netta separazione tra corridoio caldo e corridoio freddo, ottenuta allineando i server nella stessa direzione, in modo da creare una zona all'interno della quale aspirare il calore prodotto dalle macchine e una nella quale, invece, il freddo viene iniettato».

I server, infatti, funzionando producono calore che scalda l'aria circostante. L'aria a 16°, utilizzata per ridurre la temperatura dei serventi viene convogliata sul fronte del rack e, aspirata dalle ventole del server stesso, la attraversa arrivando sul retro del rack riscaldata, a causa dell'intensa attività delle Cpu e degli altri componenti. Le temperature in uscita di questo flusso possono variare dai 26/27° per arrivare, su alcuni blade, anche a 40° in uscita. Se questa aria calda ritorna nell'ambiente, c'è il rischio che si ripresenti davanti all'armadio, impedendogli di raffreddare i server correttamente, creando di fatto dei cortocircuiti. «Per evitare questo - conclude -, si crea una netta separazione tra corridoi caldi e freddi, confinando il calore in un volume chiuso e aspirandolo da questo ambiente isolato, come si fa quando si beve una bibita in lattina con una cannuccia, raffreddandolo e reimmettendo l'aria così ottenuta all'interno del corridoio freddo. In alternativa, è possibile trattare direttamente questo flusso caldo nel corridoio caldo, posizionando alcuni condizionatori sull'armadio, riducendone la temperatura prima di riportarlo sul fronte del rack».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here